-->

Attualità
Strumenti

Avete presente quelle quattro barrette di wafer ricoperte di cioccolato al latte incartate in un pacchetto rosso che potete afferrare sullo scaffale dei dolci del vostro supermercato di fiducia? Dimenticatele.

Da quando nel 2012 la tavoletta Kit Kat è diventata in Giappone il cioccolato preferito, la multinazionale Nestlè ha spinto la sperimentazione del brand Kit Kat oltre la vostra pur golosissima immaginazione. Innanzitutto dal 2014 Kit Kat ha una rete di boutique in cui propone una gamma di tavolette ai gusti di cioccolato davvero particolari. La prima boutique aprì all'interno del centro commerciale Seibu e la varietà di barrette proposta era già assolutamente insolita per noi occidentali. I fan di Kit Kat in Giappone potevano scegliere tra i gusti più strani: patata viola, biscotto alla cannella, formaggio, wasabi...tutte con i colori dell'arcobaleno. Davvero diverse dalla classica tavoletta che conserviamo nella nostra dispensa.

La diversificazione del prodotto è una strategia importante per le multinazionali che intendono ampliare il proprio volume di affari in nuovi paesi e l'intento degli esperti in Ricerca e Sviluppo è chiaramente quello di andare incontro ai gusti dei consumatori locali. Perciò in occasione dell’apertura del nuovo negozio Kit Kat di Ginza a Tokyo, lo scorso 2 Febbraio, la creatività ha superato i confini: un’edizione limitata della famosa barretta di cioccolato con un packaging ispirato al sushi.

Il Kit Kat Shop dal primo giorno di apertura vende in esclusiva questi tre versioni:

Il MAGURO SUSHI che vuole ricordare il sushi di tonno con una barretta Kit Kat al lampone su un letto di riso soffiato al cioccolato bianco.

 

Il TAMAGO SUSHI che vedete in foto invece intende riprodurre il suschi preparato con l'uovo grazie ad un Kit Kat aromatizzato alla zucca e riso soffiato al cioccolato bianco avvolti in un’alga.

Il sushi con i ricci di mare è l'UNI SUSHI e i creativi l'hanno immaginato come  una doppia porzione di Kit Kat, una al melone di Hokkaido e una al mascarpone, avvolti in un’alga.

Dite che almeno il profumo sarà di cioccolato?

 Federica Mazza