-->

Attualità
Strumenti

«Questa è una storia che comincia, in una Napoli colorata e rumorosa, nel cuore del quartiere Mercato, uno dei luoghi più popolari della città, nel 1886, quando da una famiglia numerosa e semplice, nacque Michele […]» (Laura Condurro, L’Antica Pizzeria da Michele. Dal 1870 la Pizza di Napoli, Alessandro Polidoro Editore 2017). Questa è la storia de ‛I Condurro’!

Michele Condurro, il capostipite, fanatico della pizza, trasformò la sua passione in lavoro, diventando maestro pizzaiolo.

Intuì che la pizza era un prodotto ‛democratico’, ‛facile’ da vendere, giacché accontentava le tasche e il palato di nobili e popolani ma per lui era soprattutto passione, dedizione, arte!

Aprì la sua pizzeria a Forcella, poi, in seguito a varie vicende, traferì la bottega in Via Cesare Sersale, dove si trova ancora oggi. I figli: Salvatore ed i fratelli, ereditarono la sua attività e ne preservarono la tradizione.

Ne L’Antica Pizzeria da Michele si respira la storia e la cultura di Napoli. Il locale è stile anni ’50, con tavoli in marmo e arredamento vintage e si servono ai clienti gli unici gusti che Michele Condurro, riteneva originali di Napoli: la pizza margherita e la pizza marinara.

Gli ingredienti, l’impasto, delle pizze, sono rimasti immutati nel tempo ed affondano le radici nella terra campana. I sapori sono quelli de: la farina di Antimo Caputo del Mulino Caputo, il fior di latte di Gennaro Fusco di Fior d’Agerola, i pomodori Solea della famiglia Fortunato, l’olio di Antonino Masturzo. La manualità per l’impasto è quella dei maestri pizzaioli che ripercorrono i gesti e le movenze, tramandate da Michele.

Tanta dedizione, perseveranza, fede nel proprio prodotto, ha condotto ‛I Condurro’ alla celebrazione del primo Forum Internazionale, di ‛Michele in the World’, il 12 Giugno 2018 nell’Agorà Morelli a Napoli.

Alessandro Condurro, nipote di Michele, spiega: «E’ una festa che abbiamo fortemente voluto con mia cugina Daniela, dei giovani componenti della nostra famiglia e tutti i membri dello staff, per celebrare ‛L’antica pizzeria Michele in the world’. Un progetto nato nel 2012 e che dopo 6 anni, ha visto la nascita di 8 locali nel mondo. Abbiamo sedi a Roma, a Firenze, a Milano, a Barcellona, a Londra, due in Giappone che sono state le prime.»      

La storia di questa incredibile grande famiglia, si è trasformata nella storia di un’azienda, con un prodotto tipicamente partenopeo, riproposto nella versione originale, diventato un brand nel mondo.

Un’azienda che ha coinvolto vecchi e nuovi collaboratori, con i loro prodotti del territorio campano, offrendo opportunità lavorative anche ai giovani.

«Lo staff è formato da tutti ragazzi, entusiasti.» afferma Alessandro «ci piace stare insieme, facciamo notte nell’elaborare i menù, nel disegnare le magliette, le campagne pubblicitarie. Sono tutti ragazzi dai 20 ai 25 anni, la maggior parte laureati, altri sono studenti universitari. Tutti sanno bene cosa fare, hanno il loro ruolo, si divertono ma al contempo lavorano. Hanno dimostrato una gran competenza.»

‛I Condurro’ sono solo all’inizio, come sostiene lo stesso Alessandro: «Altre due aperture sono previste nel 2018 ed altre 4 nel 2019. E’ un progetto in espansione. L’idea di questo forum è stata proprio partire da Napoli, dove si trova la casa madre, per poi fare una festa, ogni anno in una delle città nella quali è presente L’ Antica Pizzeria. Con buone probabilità, l’anno prossimo il forum si farà in Giappone.»

«Napule è mille culure, Napule è mille paure. […] E a’ sape tutto o’ munno ma nun sanno a’ verità» cantava Pino Daniele, descrivendo poeticamente, la complessità della nostra città. Questa verità ci piace e a’ vulimm fa sapè!

La verità che si fonda sui valori di onestà, passione, cultura, tradizione, innovazione è quella che vogliamo sostenere e di cui vorremmo sempre parlare, quindi … grazie Condurro per non farci ricordare nel mondo solo come quelli di ‛Gomorra’!

 

Antonia Fiorenzano

Maria Rosaria Gandolfi