-->

Attualità
Strumenti

Pranzo di Pasqua presso la panoramica sala Le Muse con il menu tradizionale studiato dallo chef Fioravante. Il menu completo ha un costo per persona di euro 75 (bevande escluse) e prevede: amuse bouche; uovo marinato con coulis di pomodoro; casatiello della tradizione, mousse di ricotta salata e selezione di salumi di nero casertano; raviolo di pasta fresca porcini e noci con blu di bufala e pere; costine di lombo e agnello, crema di carciofi, migliaccio salato e cremoso di pecorino; pastiera napoletana con salsa d’arancia.

Lunedì in Albis invece la sala Le Muse è affidata all’estro e alla cucina dello chef Domenico Candela (resident del George) dove sarà possibile scegliere uno dei set menù della nuova carta primaverile, non à la carte.

Con l’arrivo della primavera il Grand Hotel Parker’s ha anche inaugurato i nuovi spazi dedicati agli eventi: la Terrazza Èfebo e la Sala delle Muse. 

La Terrazza Efebo, intitolata alla scultura in bronzo che rappresenta l’Èfebo Lampadoforo, riproduzione della Fonderia Chiurazzi del prezioso Efebo del 20-10 a.C. rinvenuto a Pompei ed oggi custodito al MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è il punto più alto dell’hotel e offre una spettacolare vista sulla città. La statua da cui prende il nome e che campeggia al centro della terrazza è emblematica: raffigura un giovane guerriero fiero, intento a portare la luce, colto nell’atto di guardare l’orizzonte con gli occhi spalancati sul golfo. “Un simbolo di forza ed eterna giovinezza. Un inno quindi al futuro e alla bellezza viva e palpitante della città”, spiega il general manager dell’hotel Giampaolo Padula. 

 

La Sala delle Muse, al sesto piano dell’hotel, ridisegnata e rimodulata dallo Studio Pisani Morace di Napoli per accogliere eventi esclusivi, si presenta nella sua elegante palette di colori, sete e velluti. Le ampie vetrate a tutta altezza sono diaframmi leggeri che separano il dentro dal fuori: la terrazza, naturale prolungamento dello spazio, si offre in tutta la sua bellezza. Qui protagoniste sono altre preziose sculture: sette statue in bronzo che raffigurano figure di donna  avvolte in drappi morbidi e intente a sorreggere un vaso portalucerne. Sono le Muse, le sette divinità olimpiche di Lesbo, figlie di Zeus e Mnemosine, che nell’antica Grecia erano simbolo di arte, saggezza, persuasione ed eloquenza. Realizzate anch’esse dalla Fonderia Chiurazzi, costituiscono un gruppo bronzeo di grande impatto visivo, che ormai è diventato icona dello storico hotel e della terrazza.

 

Il Grand Hotel Parker’s è unico a Napoli per le sue caratteristiche e sinonimo di ospitalità fin dal 1870. Gode di posizione privilegiata con una vista strepitosa sulla città e il golfo che spazia dal Vesuvio passando per la penisola sorrentina, Capri fino alla collina di Posillipo. L’albergo offre 82 camere e suite di cui molte di recente ristrutturazione che non ha però alterato il carattere storico che contraddistingue l’hotel. Completamente rinnovato è invece l’ultimo piano dove si apre la sala colazione e banchetti, la Krug Lounge ed il nuovo ristorante George la cui cucina – rigorosamente a vista – è affidata al giovane chef Domenico Candela, napoletano ma con importanti esperienze presso pluristellate cucine francesi.

 

Grand Hotel Parker’s: C.so Vittorio Emanuele, 135 | Tel. 081 7612474 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.