-->

Rubriche
Strumenti

Per coloro che sono sempre attenti alla linea, no problem! L’anguria presenta solo il 7% di grassi naturali comunemente presenti nella frutta, quindi non vi è il rischio di diventare grossi come cocomeri…giusto per restare in tema!

I benefici dell’anguria erano risaputi già nell’antichità. Alcuni geroglifici, difatti, hanno dimostrato che la coltivazione dell’anguria era praticata nell’Antico Egitto già 5000 anni fa. Il frutto, spesso, veniva deposto nelle tombe dei faraoni come alimento di sostentamento (fonte d’acqua) per l’aldilà. Inoltre, nel mito egizio, l’anguria aveva origine dal seme del dio Seth. Anche nella Cina del X secolo d.C. l’anguria veniva regolarmente coltivata e attualmente lo stato asiatico detiene il primato della produzione mondiale.

Viene citato anche da Frazer ne Il ramo d’oro nel quale l’antropologo scozzese scrive che i beciuani considerano l’anguria una pianta sacra con la quale purificarsi prima di consumare i nuovi raccolti.

Frutto energetico, ricco di vitamine A, C, B e B6, e di potassio e magnesio, l’anguria è figlia dell’estate nonchè frutto estivo per antonomasia da mangiare in ogni dove e ad ogni ora. Tanta acqua, poche calorie. Abusatene pure!

Valeria Vanacore