-->

Rubriche
Strumenti

<< Il ritorno di comportamenti virtuosi come la preparazione delle conserve in casa è forse l’unico aspetto positivo della crisi a tavola. Nel 2013 si assiste infatti al ritorno degli italiani all’autoproduzione di alcuni cibi secondo una tradizione del passato>>, precisa la Coldiretti, << Tradizione che ormai sembrava destinata a perdersi ed è invece tornata di grande attualità di fronte ai ripetuti scandali alimentari e all’esigenza di ottimizzare i bilanci familiari>>.

Italiani dunque sempre più attenti alla qualità e alla spesa tanto che 1,4 milioni di loro dichiara di partecipare a community sul web centrate sulla preparazione del cibo mentre ben 25 milioni si informano sui libri od in televisione.  E così si trasforma la frutta in marmellate, succhi e sciroppati, gli ortaggi in sott'oli e sott'aceti e il pomodoro in passate, pelati o pezzettini, a tutto vantaggio della salute e del portafogli. Le materie prime infatti vengono spesso acquistate direttamente dai produttori agricoli in azienda, nelle botteghe o nei mercati di Campagna Amica scongiurando così il rischio di mettere inconsapevolmente nel carrello della spesa marmellate con frutta proveniente dall’Europa dell’est, sott’oli africani o concentrato di pomodoro cinese.

Annarita Costagliola