-->

Rubriche
Strumenti

Così, insieme ai limoni, ogni nave aveva la sua bella scorta di cavoli da consumare rigorosamente crudi (la cottura uccide la vitamina C) ed era diletto dei conquistadores cercarli in ogni dove non appena toccavano la terraferma.

Anche oggi le proprietà del cavolo non sono affatto sconosciute. E’ considerato un ottimo antinfiammatorio e combatte gli stati di affaticamento, la stitichezza e l’acne. In più costituisce una miniera di Sali minerali per l’organismo: zolfo (per questo quando si cuociono emanano cattivo odore!), magnesio, fosforo, rame, iodio, selenio. Senza tralasciare, ovviamente, le vitamine! Specie B1 e la già menzionata C. Per questo andrebbe consumato molto molto spesso, previa stagionalità ovviamente!

Così, in questo periodo e durante tutto l’inverno, il cavolo trionfa nella bagna cauda insieme a cardi e topinambur, nella cassoeula insieme al maiale e nelle “nostrane” minestre maritate e insalate di rinforzo. Altro che cavoli a merenda!

Valeria Vanacore