-->

Rubriche
Strumenti

 

Un'iniziativa, quella dei 10 supereroi della pizza, che promette di mettere nel salvadanaio un bel gruzzolo, da destinare alla formazione artigiana e manifatturiera dei minori a rischio, devolvendo 25 centesimi per ogni pizza venduta durante le festività natalizie, in favore di un fondo pro solidarietà. 

'A taverna d'o Re, I Decumani, La locanda del Grifo, Maccarò, O' munaciell, Pizzeria Aiello, Pizzeria dell'Angelo, Pizzeria-Trattoria Medina, Re Ferdinando e Sorbilloquesti i ristoranti che aderiranno alla manifestazione. L'idea dei 10 imprenditori è quella di far partire una serie di laboratori e seminari per l'introduzione al lavoro dei ragazzini della II e IV municipalità del Comune di Napoli, per tirarli via dalla strada, insegnando loro un mestiere.Fondazione di comunità centro storico di Napoli logo

"Il mio sogno- spiega Gino Sorbillo, ex scugnizzo e titolare dell'omonima pizzeria in via Tribunali 32- è quello di allargare i laboratori di arte bianca che ho già organizzato insieme alla LTM (Laici Terzo Mondo) nella zona del Borgo di sant'Antonio a ridosso di piazza Carlo III. Ho insegnato i miei impasti a 12 ragazzini e ne sono orgoglioso. Quello del pizzaiolo è un mestiere bellissimo e sopratutto molto richiesto anche all'estero. Noi imprenditori dobbiamo rimanere a contatto col territorio in cui viviamo e lavoriamo"

Si alterneranno, quindi tutti i mercoledì di novembre e dicembre gli appuntamenti con le pizzerie solidali. Le date previste per donare 25 centesimi in favore dei minori a rischio sono : oggi 13 novembre, ma anche il 20 e il 27. E ancora il 4, l'11 e il 18 dicembre. L'ultimo appuntamento in programma per questa edizione di "Pizza e po'-mo'-dono" è atteso per mercoledì 8 gennaio 2014.

Per pubblicizzare l' iniziativa sarà allestito un gazebo informativo nel cuore della storica Spaccanapoli, in piazza San Domenico Maggiore, il 18 novembre e poi l'1 e l'8 dicembre. Turisti e cittadine riceveranno dagli operatori dei Gazebo, la piantina della città con le 10 pizzerie aderenti e poi opuscoli e locandine informative sull'iniziativa.

"Per questa edizione di Pizza e po'-mo' dono- commenta Rossella Paliotto vicepresidente della Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli- prevediamo di mettere da parte tra i 15 e i 20.000 euro che destineremo alle associazioni che lavorano sul territorio della II e IV municipalità e che si occupano di recupero minorile."

Il 10 gennaio verranno resi pubblici i dati della raccolta fondi sui siti degli enti coinvolti.

                                                                                                                             Alessandra Cammarano