-->

- Cioè, lei praticamente non ha mai assaggiato la SacherTorte?

- No!

- Va be’, continuiamo così! Facciamoci del male!

 

È il famosissimo dialogo passato alla storia del film Bianca (1984) di Nanni Moretti. Il regista romano ha spesso, nei suoi film, ribadito la sua passione per la torta al cioccolato tant’è che anche la sua casa di distribuzione cinematografica, fondata nel 1987 in collaborazione con Angelo Barbagallo, è chiamata Sacher Film.

Leggi tutto: L’austera golosità della SacherTorte

Il giovedì era nell'antichità il giorno dedicato al dio romano Giove. Zeus per i greci. Date le radici mitologiche di questo giorno che rimanda a fulmini e divinità, vi proponiamo un breve accenno di mitologia e cucina.

Nel mito greco Prometeo è coinvolto in operazioni culinarie che vedono il mescolarsi di quattro elementi: il dono del fuoco, la relazione tra uomini e dei, l'offerta del sacrificio e la cottura del cibo.

Nella Teogonia di Esiodo leggiamo di un Prometeo punito non perché sottrae il fuoco agli dei, ma per aver insultato Zeus!

Prometeo uccide un bue in sacrificio agli dei, e lo divide in due parti. Prepara una parte con ossa ricoperte dal grasso, e un'altra parte con carne coperte dalle viscere. Accolto da Zeus gli offre di scegliere uno dei suoi omaggi, ma lo trae in inganno: il profumo del grasso lo spinge Zeus a scegliere la preparazione di sole ossa.

"Che mangino la loro carne cruda!" grida Zeus infuriato, e per punirli decide di sottrarre il fuoco agli uomini. 

Grazie ad Esiodo conosciamo un mito di Prometeo a sfondo culinario!

Federica Mazza

 

La parola legume deriva dal latino legumen, leguminis che include semi commestibili. Sin dai tempi più antichi, è da sempre risaputa la loro cruciale importanza all’interno di una dieta equilibrata. I legumi sono un vero portento e un importante apporto di proteine che, abbinato con quello dei cereali, non ha nulla da invidiare alla carne animale – anzi, è ancora più benefico.

Leggi tutto: I legumi: dalle loro antiche origini fino alle tele dei più grandi pittori e al cinema

 

 

Carnevale rappresenta più che mai la sregolatezza gastronomica, e non solo, a cui si mette o si metterebbe  fine con l’arrivo della Quaresima. Un tempo si finiva diritti diritti dal confessore per elencare i peccati di gola e l’abbandono ai piaceri, ma a Carnevale  se ne poteva fare a meno. Un periodo di festeggiamenti  simile al nostro Carnevale lo si riscontra già al tempo dell’Impero Romano con i Saturnalia programmati durante il momento di maggior buio e in attesa della rinascita con il solstizio d’inverno intorno al 25 dicembre.

Leggi tutto: Carnevale, tanta storia e molte chiacchiere