-->

Cultura&Spettacolo
Strumenti

All’interno del grande filone della Commedia all’italiana c’è un micro-filone che non tutti conoscono, chiamato Commedia sofisticata all’italiana o neo-sofisticata. Il filone ebbe vita piuttosto breve ed caratterizzato da una manciata di film spesso dal titolo e dalla trama incentrata su un MacGuffin “culinario” (L’anatra all’arancia, 1975, Pane burro e marmellata, 1977, Aragosta a colazione, 1979).


Questo particolare genere di film è un ben riuscito mix di commedia all’italiana, di alcuni temi cari al teatro francese (come quello del ménage à trois) e del cinema comico americano degli equivoci. Caratteristica di tutti i film in questione è un certo garbo, o charme, della messinscena e nella direzione attori (che ebbero un ruolo di primo piano nel caratterizzare il genere, soprattutto Johnny Dorelli).


Il capostipite della commedia sofisticata all’italiana è L’anatra all’arancia di Luciano Salce e tratto dall’omonimo testo teatrale di William Douglas Home e Marc Gilbert Sauvajon.
La trama è semplice: un pubblicitario di successo (Ugo Tognazzi) tenta di riconquistare la moglie (Monica Vitti) che si è innamorata di un francese giovane, ricco e affascinante (John Richardson). Per riuscire nel suo intento propone di passare insieme un fine settimana nella loro villa al mare (gli ambienti, di solito ville in stile moderno e arredate con un pizzico di esotismo, sono un’altra caratteristica fondamentale della commedia neo-sofisticata). Al gruppo si aggiungerà un’avvenente compagna per Tognazzi: Barbara Bouchet (che da questo ruolo in poi vedrà la sua carriera decollare e diventare una delle icone della commedia sexy all’italiana).
Oltre alla gelosia, Tognazzi si affida al piatto simbolo della luna di miele con la moglie: l’anatra all’arancia del titolo a cui il comico aggiunge il piticarno, una presunta spezia afrodisiaca. Il piatto in questione pare abbia origini toscane e che sia stato esportato in Francia da Caterina de Medici.


Magari il film potrebbe darvi qualche idea su come riconquistare la vostra amata, magari con l’ausilio del vostro piatto-simbolo, cosa che non dovrebbe mancare in alcuna coppia!

 

Alessio Cacciapuoti