-->

Cultura&Spettacolo
Strumenti

Certo che è difficile immaginare uno chef più burbero e mordace di Gordon Ramsay, ma anche il nostro Antonino non scherza. Dietro il suo aspetto apparentemente innocuo e da gigante buono potrebbe celarsi un personaggio severo, pignolo e attentissimo alla cura dei minimi dettagli, come egli stesso ha affermato in alcune recenti interviste.

A differenza della versione americana, Cannavacciuolo dedicherà molto più spazio ai passaggi sul cibo, mentre negli Stati Uniti  l’attenzione è focalizzata più che altro sulla pulizia. In Italia sicuramente non vi saranno situazioni raccapriccianti quali ratti e insetti in cucina, o cibo ammuffito e servito in tavola. Al massimo olio di frittura sporchissimo e cucine disastrate a livello di ordine, ma niente di più. O meglio nulla che possa mettere a repentaglio la vita dei clienti!

L’obiettivo dello chef campano sarà quello di trasmettere, con la massima serietà, le proprie conoscenze culinarie e risollevare nel migliore dei modi diverse realtà gastronomiche. Riuscirà il nostro chef a far filare dritto ristoranti e bistrot? Lo vedremo a breve, in questa nuova ed entusiasmante avventura tutta da gustare.

Valeria Vanacore