-->

Dopo i Cibi in scatola, le Coca Cola e gli hamburger di Andy Warhol, il PAN ospita le opere di Shepard Fairey o meglio conosciuto #OBEY, uno dei più famosi street artist di questo secolo.

Ricordate l’immagine simbolo della campagna elettorale di Obama?

Sì, proprio quella che lo vede in versione pop, quella che ne riproduce il volto stilizzato.

Bene, si tratta di un’opera di #Obey.

Una mostra che riporta a Napoli, dopo il successo di Andy Warhol, l’arte contemporanea e il forte simbolismo legato ad essa. I termini Hope (speranza), Change (cambiamento), Progress (progresso), sovrapposti all’immagine stilizzata in quadricromia di Barack Obama sono divenuti simbolo della campagna elettorale del 2008 del presidente degli Stati Uniti. Un’immagine questa, che fa il giro del mondo, definita da Peter Schjeldahl “la più efficace illustrazione politica americana dai tempi dello Zio Sam”.

Dopo Mao di Warhol anche Obama diviene un vera e propria icona pop e il successo dell’opera di #Obey contribuì sicuramente alla vittoria della campagna elettore tanto che Obama una volta eletto, inviò una lettera all'artista, resa poi pubblica, in cui ringraziava Fairey per l'apporto creativo alla sua campagna. La lettera si chiude con queste parole: "Ho il privilegio di essere parte della tua opera d'arte e sono orgoglioso di avere il tuo sostegno".

Il Pan ospita, fino al 28 febbario, per la prima volta in uno spazio museale italiano 90 opere, che raccontano l’arte di Shepard Fairey, come la serie realizzata per la città di Venezia, Obama Manifest Hope, la monumentale tela, finora mai esposta, a cui si affiancano lavori provenienti da collezioni private.

 

Informazioni Utili
SHEPARD FAIREY #OBEY
Napoli, Pan | Palazzo delle Arti Napoli - Palazzo Roccella (via dei Mille 60)
Dal 6 dicembre 2014 al 28 febbraio 2014
Orari: dal lunedì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 19.30; domenica dalle ore 9.30 alle 14.30.
Ingresso: € 8,00 intero; € 6,00 ridotto (ragazzi dai 6 ai 26 anni; over 60; insegnanti; giornalisti non accreditati con tesserino; forze dell’Ordine non in servizio; T.C.I.; titolari di apposite convenzioni); € 4,00 ridotto portatori di handicap; Gratuito per bambini fino a 5 anni, accompagnatore di disabile e giornalisti accreditati;Biglietto famiglia valido per 4 persone: € 20,00; Ridotto scuole € 4,50 (Min 15/ Max 25) con due accompagnatori gratuiti; Ridotto gruppi € 6,00(Min 15/ Max 25) con un accompagnatore gratuito

Informazioni: tel. 331 5257660
http://www.obeynapoli.com/

 

Giovanni Salzano

 

 

 

Da sempre il cibo è stato uno dei principali protagonisti di famose opere pittoriche. Dal 24 gennaio sarà possibile ammirarle a Brescia dove il Palazzo Martinengo ospiterà la mostra “Il cibo nell’arte. Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol”. L’esposizione, che sarà visitabile fino al 14 giugno 2015, si inserisce negli eventi targati Expo 2015 ed è suddivisa in dieci sezioni tematiche che abbracciano quattro secoli di storia: L’allegoria dei cinque sensi, Mercati dispense e cucine, La frutta, La verdura, Pesci e crostacei, Selvaggina da pelo e da penna, Carne salumi e formaggi, Dolci vino e liquori, Tavole imbandite, Il cibo nell’arte del XX secolo

Si tratta di un genere di mostra mai organizzata prima in Italia, una inedita esposizione in cui il Bel Paese viene narrato attraverso diverse opere d’arte che ne raccontano l’articolata tradizione gastronomica dal Barocco al Rococò, dal Romanticismo al XX secolo.  Si potranno ammirare il Piatto di pesche di Figino, autore della prima natura morta della storia dell’arte italiana, Mangiatori di ricotta di Campi, L’Ultima cena di Warhol e tante altre opere di De Chirico, Manzoni, Fontana, Lichtenstein, Magritte e Baschenis.

I visitatori, oltre a godersi la bellezza delle opere esposte, potranno anche informarsi sugli stili e sulle abitudini alimentari delle varie epoche. Spazio verrà dedicato anche ai più piccoli grazie a dei laboratori didattici. Per gli studenti delle scuole di ogni grado, invece, vi sarà un concorso a premi nel quale i ragazzi si cimenteranno nella realizzazione di un’opera d’arte sul cibo.

Costo della mostra: € 11,50

Acquista il ticket qui!

Valeria Vanacore

Altri articoli...

Sottocategorie

Il rapporto d'amore tra cibo e musica, cibo e teatro

Block [footer] not found!