-->

film Gravity di Alfonso Cuarón, da molti – forse un po’ esageratamente – definito il “nuovo Quarto Potere”, ha ri-aperto e dato nuova linfa vitale al cinema al genere delle fantascienza. La fantascienza del sotto-filone Hard Sci-Fi (quello dove tutto ciò che accada è – in larga misura – scientificamente plausibile e tutto è quanto più realistico possibile; le storie si focalizzano sulle scienze naturali e sullo sviluppo tecnologico), dopo che per tanto tempo il Soft  Sci-Fi (quello “fantastico” che si concentra maggiormente sui sentimenti umani che sulla tecnologia; e spesso in contaminazione con il fantasy) ha monopolizzato le nostre sale capeggiato da Star Wars.

Leggi tutto: "Life – non oltrepassare il limite" quando la paura mangia l’anima

La chiamano "Primavera napoletana", ma in molti l'hanno già definita "new wave" pensando alla scuola francese, "nouvelle vague". Fatto sta che l'onda è reale e sta travolgendo produttori, registi, artisti, sceneggiatori e anche autori non napoletani (basti pensare ai recenti La Tenerezza di Amelio e I Peggiori di Vincenzo Alfieri o a Napoli Velata, il film di Ozpeteck attualmente in lavorazione, per non parlare del set estivo di Saverio Costanzo per la serie tv tratta da L’Amica Geniale).

Leggi tutto: La Parrucchiera: il nuovo sapore del cinema napoletano

Elle è l’ultimo film di Paul Verhoeven (uscito a dieci anni di distanza da Black Book del 2006) che è stato presentato in Concorso al Festival di Cannes 2016. Nonostante il film abbia vinto prestigiosi premi quali il Golden Globe per il miglior film straniero e per la migliore attrice in un film drammatico a Isabelle Huppert, il Premio César e la nomination agli Oscar, in Italia è stato distribuito soltanto a marzo di quest’anno.    

Leggi tutto: Elle con Isabelle Huppert, quando il cibo è presagio di amore e morte

Un brindisi, in omaggio al monumento di Luigi Tenco, morto suicida esattamente 50 anni fa proprio nella città dei fiori, proprio in occasione del Festival. A firmare il tributo Tiziano Ferro, che apre questa 67° edizione di Sanremo. Luci spente e occhio di bue sul cantante di Latina, che con riverenza Mi sono innamorato di te, per portare, ancora una volta, sul palco dell'Ariston il cantautore genovese, che nel 1967 gareggiò con Ciao Amore Ciao.

Leggi tutto: Sanremo 2017: cosa bolle in pentola

Altri articoli...

Sottocategorie

Il rapporto d'amore tra cibo e musica, cibo e teatro

Block [footer] not found!