-->

Eventi
Strumenti

Torna a Napoli per la seconda edizione, Re Panettone Napoli, un'intera manifestazione dedicata al Grande Lievitato per antonomasia. Il dolce natalizio più amato in Italia, infatti, sarà il grande protagonista di quella che può essere definita una vera e propria competizione, che si svolgerà tra deliziose degustazioni, nella scenografica cornice dell'Hotel Parker, del Corso Vittorio Emanuele, il prossimo week end.

A presentare l'evento, Stanislao Porzio, ideatore del contest, che ha captato le vere potenzialità del Panettone al Sud, e per questo ha deciso di renderlo ospite d'onore di un evento di degustazione. Già l'anno scorso, come introduce Donatelle Bernabò, l'edizione 'pilota', se così si può definire fu un vero e proprio successo. Ben 23 pasticcieri presero parte l'anno scorso al debutto di Re Panettone. Quest'anno la richiesta di partecipazione è aumentata, così tanto, che con rammarico gli organizzatori informano di essere stati costretti a lasciar fuori qualcuno.

La manifestazione si svolgerà, nello specifico, tra il 3 e il 4 dicembre. Il programma di incontri comincerà sabato alle ore 11.00, fino alle 13.30, quando saranno proclamati i vincitori della II edizione Re Panettone. Mentre domenica, nel pomeriggio, a partire dalle 16.30 si tratterà il Grande Lievitato in ambito Campano, in parallelo con la secolare tradizione meneghina. Il tutto incorniciato da degustazioni di prodotti artigianali di pregiata fattura, concorrenti al contest, accompagnate da vini selezionati in base alle loro qualità organolettiche, coniugabili ai gusti dei panettoni.

Stanislao Porzio racconta tutte le novità di questo nuovo appuntamento con Re Panettone. "Per la II edizione, abbiamo pensato anzitutto ad un premio. Quest'anno addirittura abbiamo pensato a tre premi: uno di tipo organolettico, uno relativo alle confezioni, ed un altro relativo ai panettoni fatti in casa". Su questo punto Porizo si sofferma raccontando la fantastica sorpresa di una produzione di stampo 'dilettantistica'. "C'è anche qualche folle pasticciere dilettante, convinto di poter realizzare dei panettoni fatti in casa. Ed in un paio di casi ci siamo resi conto che di 'veri' panettoni si trattava. Non di situazioni abborracciate, ma di panettoni di una certa qualità."

La ricetta del Panettone potrebbe essere considerata un vero e proprio patrimonio nazionale. Ma le intenzioni di Re Panettone a Napoli è quello di reinventare la tradizione. "Lo scopo di questa manifestazione è quello di realizzare panettoni di tipo innovativo: dolci e lievitati che hanno le caratteristiche dei panettoni, che così possono chiamarsi, ma che alla solita farcitura con uvetta e canditi, sostituiscano qualcosa di nuovo, di mai assaggiato prima" spiega Stanislao, che ricorda con piacere l'esemplare al limoncello, realizzato dalla pasticceria Pepe, l'anno scorso, e che ebbe grossa risonanza anche sul mercato. Altro fattore imprescindibile per Stanislao Porzio è la freschezza. Per essere considerato panettone artigianale un lievitato deve prescindere da conservanti, elemento a cui, purtroppo, per ovvie ragioni di mercato, i prodotti di fabbrica non possono rinunciare.

Quindi gli esemplari realizzate per il contest, devono avere la forma classica, bombata, del panettone. Inoltre devono rigorosamente avere l'impasto di uova, zucchero, farina e lievito madre, caratteristico del panettone. Ma che contrariamente al modello milanese abbiano farciture alternative, magari arricchendole al loro interno con delle creme, o sulle loro superfici delle glasse, tutto ciò che verrà in mente ai 25 pasticcieri partecipantiLa giuria sarà costituita da chef gourmet, giornalisti critici gastronomici, foodblogger, e altri personaggi che "di cucina si intendono". 

L'ingresso alla Sala Ferdinando del secolare Hotel Parker è assolutamente gratuito. Gli appassionati, però, avranno modo di cambiare in albergo i loro soldi con alcuni gettoni: i paneuri, ognuno del valore di 5 eruo. Con una di queste monete sarà possibile acquistare una degustazione con calice e l'assaggio di alcune fette di panettone. Mentre con 3 paneuri sarà possibile acquistare un panettone da 500gr, con 4 un esemplare da 750gr, mentre con 5 paneuri i visitatori potranno portare a casa un grande lievitato da 1 kg. 

Quindi pronti a far scorta, quest'anno il Natale avrà un sapore del tutto nuovo.