-->

Eventi
Strumenti

Per un’intera notte, sabato 16 dicembre, dalle 18, il Centro Storico di Napoli apre chiese, basiliche, musei, complessi, palazzi con orari straordinari e costi di ingresso ridotti. E, ancora, piazze, vicoli e scuole. Raccontando l’arte in tutte le sue forme. È l’energia della Notte d’Arte, che giunge alla sua VI edizione e che, quest’anno, ha come titolo “Racconti, favole e leggende”. Organizzata dalla Municipalità II, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e con Love Studio, anche per il 2017, la Notte d’Arte si propone come un forte attrattore turistico, che richiama e diverte anche i cittadini. I grandi numeri delle edizioni precedenti, che hanno superato 1.000.000 di visitatori, ne hanno determinato il successo. 

 

Il fitto programma è stato presentato a Palazzo San Giacomo, in Sala Giunta, da Nino Daniele, assessore alla Cultura e al Turismo Comune di Napoli; Francesco Chirico, presidente Municipalità II; Giulio Cacciapuoti, project manager Love Studio.

 

“La Notte d’Arte è giunta alla sesta edizione e – come sottolineato dall’assessore comunale alla Cultura e al Turismo Nino Daniele - è stata un'intuizione in un momento molto critico della città

in cui abbiamo deciso di rimettere al centro il Centro Antico, la sua grandissima energia culturale e il suo meraviglioso patrimonio che lì è custodito e che richiede grande cura e attenzione. Un Centro antico che è la grande forza dell'enorme ripresa turistica che la città sta vivendo e che va preservato ogni giorno proprio nella sua natura e nella sua genesi: l’arte".

 

“Racconti, favole e leggende - ha detto il presidente della II Municipalità, Francesco Chirico - non sono mai urlati e infatti sarà una Notte d’Arte a bassa voce. Non ci saranno grandi palchi. Gli artisti si esibiranno nelle basiliche, nelle chiese, nei musei, nelle scuole e, con performance itinerante, tra piazze e vicoli".

 

“Love Studio ha creduto nella Notte d’Arte sin dalla prima edizione – racconta Giulio Cacciapuoti, project manager Love Studio – Sostenere questo evento, supportandolo anche nella logica e nell’organizzazione pratica è il riflesso della volontà di preservare tutto quello che di bello Napoli è. Napoli è arte, soprattutto”.

La Notte d’Arte sarà l’occasione per ammirare musei e mostre in orari straordinari e con un ingresso ridotto. Dalle 18 a mezzanotte, nella Basilica Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, si potrà visitare la mostra “Museo della Follia: da Goya a Maradona” (ingresso ridotto: 7 euro). Il Complesso Monumentale Chiesa Santa Maria La Nova sarà aperto dalle 18 alle 22.30 (ingresso ridotto: 3 euro).

Apertura straordinaria e al costo ridotto di 5 euro anche per Il Piccolo Regno Incantato, lo spettacolo prodotto da Volare Srl, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, che fino al 7 gennaio trasformerà il Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore in un castello fatato. In arrivo da Montecatini Terme, curato nella sceneggiatura e regia da Simone Malucchi e nella direzione creativa da Simona Baronti, Il Piccolo Regno Incantato conduce gli ospiti lungo un percorso di 15 scene tematiche, allestite in uno spazio di 600 mq, nei mondi delle favole più belle di sempre: Cenerentola, I Tre Porcellini, Cappuccetto Rosso, Peter Pan, La Spada nella Roccia, Pinocchio, Alice nel Paese delle Meraviglie, Biancaneve e Mary Poppins.

La Notte d’Arte porta tanta musica, fuori e dentro i palazzi. La Basilica di San Domenico Maggiore, alle 22.30, ospiterà il concerto di pianoforte di Danise #scugnizzodeljazz. Alla Chiesa Sant’Anna dei Lombardi, l’appuntamento è alle 20, con il concerto “Sogni all’ombra del Vesuvio”.
Mira Floriditas in concerto. A cura di Angela Morrone (pianoforte, voce e chitarra) in collaborazione con “Sii turista della tua città”. La Basilica di Santa Chiara apre il suo Chiostro a un costo d’ingresso ridotto (4,50 euro) e alle 21.30 ospita il concerto del Trio Esperidi (voce, chitarra e flauto traverso). In programma, alle 19, nella Chiesa San Pietro a Majella, il concerto del Coro Polifonico e dell’Ensemble strumentale del Liceo Classico V. Emanuele II. Nella Chiesa San Potito, alle 22, si terrà il concerto “That’s Napoli!”, diretto dal maestro Carlo Morelli. Al liceo Antonio Genovesi, in piazza del Gesù, dopo la performance live degli studenti (dalle 18 alle 20), si esibiranno i Vintinove e Trenta (ore 20). Il Liceo Eleonora Pimentel Fonseca propone un fitto programma (dalle 17.30 alle 19.50) con visite guidate alla Biblioteca in lingue straniere e performance a cura degli alunni del liceo e il coro gospel Accademia della musica (ore 18). A Palazzo Venezia, dalle 18 a mezzanotte, in programma concerti, visite e artigianato locale.

Al NeapolitanTrips Hostel and Bar, in programma la jam session "Un anno di cantame 'na canzone” e la mostra fotografica "Photo Marathon". Anche al Rootz Cafè in via Bellini, la musica è proposta con una mostra, questa volta, di dipinti.

Ancora musica nelle piazze e tra i vicoli. In piazza Dante, Piazza del Gesù e in via Toledo, performance itinerante con Tammurriate e Neapolis  Balfolk. A Largo Banchi Nuovi, prima delle esibizioni musicale che inizieranno alle 22, ci saranno momenti dedicati ai bambini con fiabe e racconti (ore 18).

 Spazio anche alle visite guidate. L’associazione Leucosia propone il “Tour delle streghe”.

Punto di incontro: Piazza Bellini Mura Greche. Prenotazione obbligatoria: 348 5507974. Biglietto: 5 euro.

Completano la Notte d’Arte 2017, la Chiesa San Giuseppe delle Scalze con mercato Meraviglia, fiera del design indipendente, Concerti e aperitivo; il Liceo Classico Vittorio Emanuele II, dove, dalle 20.30 alle 22.30, è prevista l’apertura della Biblioteca storica e del Museo di Fisica e di Storia Naturale; il Convitto Vittorio Emanuele con un “Fantagiro” tra miti, leggende e fiabe (ore 16-30; ore 18.30; ore 20.30); Piazza del Gesù con la promo del calendario “O' ssaje comme fa o core”, a cura dei commercianti del Centro per l'acquisto di un defibrillatore; Piazzetta Nilo, con “La notte del Nilo” a cura di Mutua studentesca, Vico Lungo Gelso, con il Vicolo Incantato di Angelo e Tina Scognamiglio e le Tombole viventi dell’Associazione “O' Vascio”; Piazzetta Troya Borgo Orefici, con “La leggenda dell'albero di Re Bottone” a cura dell'Associazione  Sab Kuch Milega; Via Donnaromita con “D’amore e d’altre pene”, a cura di Profondo Food; Studio d’arte Esposito, dalle 18 alle 22, in via F. S. Correra 241, che presenta “Le bambole”; le Scale San Giuseppe dei Nudi con Art Cafè di Ciro Giorgio.