-->

Eventi
Strumenti

Comicon 2015, anche i nerd mangiano. Il problema è capire cosa.

Arrivare al Comicon significa essere bombardati da stand che vendono cibi di qualsivoglia genere e natura. Le casupole in legno disseminate nel giardino della mostra sembrano quasi dire: "ogni tuo desiderio/capriccio è un ordine". Ce n'è davvero per tutti i gusti: Redbull, birra Frost e Cocacola fanno storia a sè tra le bevande, ma si può trovare molto di più. Innanzitutto, una vasta gamma di cibo spazzatura da far impallidire l'alimentazione malsana di alcuni personaggi dei fumetti... Le tappe obbligatorie sono molteplici. Si inizia dalla colazione con il caffè, discretamente preparato dai bar del Comicon, siamo pur sempre a Napoli. Cornetti e dolciumi non mancano, ma vogliamo soffermarci sullo straordinario. Da qualche anno, chi scrive è un'assidua frequentatrice della manifestazione, le mele caramellate rappresentano il cibo inusuale che al Comicon si trasforma in gradita norma. Succose e morbide dentro, dolci e croccanti fuori, rosse come il rossetto di Malefica, questi piccoli paradisi del gusto ricordano le fiabe. Con loro, graffe, taralli, coroncine e zucchero filato sono degni accompagnatori di una colazione ricca di sostanze poco nutrienti, con grande soddisfazione e giubilo per stomaco e palato di ogni avventore del Comicon che sceglie, per rifocillarsi, di avventurarsi tra le leccornie degli stand della fiera. Nascosto tra le siepi alle spalle dell'auditorium, uno stand che ricorda idealmente il Santo Graal si specchia nel laghetto della Mostra d'Oltremare; il suo striscione, con tanto di scritta 'pane e cioccolata' fa capolino tra le teste dei cosplayer: sì, è proprio l'Eden.

Tra una fila per un disegno, una visita alle mostre e un rapido giro tra i negozi, arriva l'ora di pranzo. Cosa offre il Comicon per il pasto principale della giornata? Ogni genere di panini, sandwich e pizze, ovviamente, ma noi puntiamo sempre allo straordinario e ci dirigiamo verso lo stand del Ramen. È vero, fa caldo, ma come rinunciare a ciò che, più di tutto, rappresenta il sapore del Comicon? Tre gusti tra cui scegliere: pollo, manzo oppure orientale. Noi andiamo sul primo. L'odore non è il massimo, scotta un po' e temiamo si possa versare. Ci sediamo a terra in un angolino e, ovviamente, usiamo le bacchette per afferrare i nostri noodles. Un sapore celestiale ci riempie la bocca, ci sembra di non aver mangiato altro nella vita. La porzione di ramen termina in un attimo, beviamo persino il brodo. Peccato sia durato troppo poco, ma è giusto così, dobbiamo andare avanti. Altro giro, altro snack e via di gelato. Se lo scorso anno il Comicon ci aveva permesso di riprovare un gusto dell'infanzia, il Winner Taco, con risultati a dir poco deludenti - ma non era più grande?- per questa edizione ripieghiamo sul 'sempre rosa' Fior di fragola, un classico con cui non si i sbaglia mai. La giornata volge quasi al termine e, tra un incontro e l'altro, non ci resta che concludere la giornata con una birra fresca, solo per veterani del Comicon!
E voi, cosa avete assaggiato quest'anno?
 
Guarda la Gallery Fotografica: Il Comicon raccontato da inFOODation
 
Emma Di Lorenzo