-->

aroundtheFOOD
Strumenti

 

Un fine settimana all’insegna del buon vino a Civitella D'Agliano in provincia di Viterbo (Lazio).

Oggi, sabato 28 e domenica 29 maggio, la Cantina Sergio Mottura aderisce all’iniziativa Cantine Aperte, che coinvolge tutto il territorio nazionale, con il Mottura Open day.

Non è assolutamente necessario essere intenditori, l’idea è di diventarlo attraverso un tour guidato alla scoperta dei vigneti della Cantina Sergio Mottura. Tra visite e degustazioni accompagnate dalla sapiente guida di sommelier professionisti, gli enoturisti potranno apprezzare il meglio della produzione vinicola dell’azienda.

Tra cene con degustazioni, visite alle bellezze della provincia viterbese, sono molte le iniziative riservate a chi deciderà di alloggiare per l’intero weekend ne La Tana dell’Istrice, Wine Hotel che si trova all’interno della residenza cinquecentesca della famiglia Mottura.

Le origini della Cantina Sergio Mottura sono note: una produzione vinicola realizzata esclusivamente con metodi biologici ed ecosostenibili il cui fiore all’occhiello nel mondo è rappresentato dal “Grechetto”, un vitigno autoctono da cui Sergio Mottura ha creato il celebre “Latour a Civitella”.

Insignito nel 2013 del premio di “Viticoltore dell’anno” dal Gambero Rosso, Sergio Mottura ha visto premiata anche la sua ‘creatura’ come “Azienda dell’anno” nell’edizione 2006 della “Guida ai vini Biologici d’Italia” e l’assegnazione dell’ambita “Chiocciola” della Guida “Slowine 2015” da Slow Food.

Gusto e tradizione si sposano con le nuove tecnologie nell’hashtag #MotturaOpenDay che invita a clienti (italiani e stranieri) a pubblicare online una propria foto con i vini Sergio Mottura.

<< Per rendere ancora più vicino e sincero il legame che unisce i nostri clienti alle persone che ogni giorno si impegnano a produrre quei vini di qualità che tanto apprezzano >> spiega l’azienda, aggiungendo che le foto e i commenti più significativi saranno esposti in modo che tutti possano vederli.

Emma Di Lorenzo