-->

News
Strumenti

Che oramai il mondo stia andando eticamente e moralmente alla deriva è un fatto risaputo ai più. Ma che ci sia gente così poco curante del benessere futuro dei propri figli suscita ancora un deciso scalpore. Per un volta il motivo del contendere non si concretizza tra i confini nostrani, bensì in Francia dove due famiglie di due paesi diversi (Valenciennes e Raismes) hanno avuto la malsana idea di battezzare i propri figli con i nomi di Nutella e Fragola. Una questione senza ovviamente alcun senso, a maggior ragione del fatto che nel primo caso si tratta anche della creazione di una vera pubblicità “umano-ambulante”, una versione peggiorativa del marketing tattoo, con la differenza che almeno in quest’ultimo caso è tutto (profumatamente) finanziato dalla casa madre.
Fortunatamente le due famiglie hanno trovato sulla loro strada prima le titubanze di un rappresentante dello Stato civile, e subito dopo la bocciatura da parte dei Tribunali che hanno stabilito in ambo i casi che i nomi erano contrari all'interesse del bambino e che questi ultimi avrebbero potuto essere oggetto di prese in giro e umiliazioni. Come hanno reagito le due famiglie? Nutella è stata battezzata Ella, e Fragola si chiama Fransine, un nome che in francese antico rievoca il noto frutto. Insomma tutto e bene quel che finisce bene, più o meno.

Massimiliano Guadagno