-->

News
Strumenti

 

Sono le nuove frontiere dell’analisi sensoriale combinate alle più attuali tecniche di marketing che hanno generato figure simili, capaci di proporsi come gli ambasciatori di eccellenze made in Italy, unite in un sistema che porta questo nome e avvicina realtà aziendali anche molto disparate.

Oggi più che mai siamo immersi nell’era dello storytelling, per cui questo ruolo risponde perfettamente alle esigenze del saper raccontare in modo affascinante esperienze e prodotti anche mediante l’evocazione di ricordi, tradizioni, stimoli in grado di suggerire un’idea della propria identità e del messaggio contenuto in essa: non è il classico sommelier e anche in questo caso è previsto un percorso formativo preciso per diventare Brand Ambassador o Guida Sensoriale.

Alcuni punti focali dell’associazione sono dunque l’attività di promozione e valorizzazione della propria immagine, servendosi appunto dell’ausilio di guide sensoriali; l’organizzazione di corsi con le proposte per formare a loro volta i fruitori dei prodotti, di modo tale che essi diventino a loro volta portavoce di questi ultimi.

Tra i soci fondatori troviamo il Centro Studi Assaggiatori, Strada dei Vini dei Castelli Romani, l’Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero, Paideia e l’accademia internazionale IASA (International Academy of Sensory Analysis), unità accomunate da un solo indirizzo basato su metodi innovativi con lo scopo di unire la datata cultura dell’assaggio con la rigorosa scienza del gusto, costituita da rigorosi test informativi con decine di descrittori, test sul consumatore con scelta casuale dei soggetti e conoscenze di psicologia e statistica a fondamento dell’analisi sensoriale.

 Per scoprirne di più clicca qui 

 

Sabrina Riccio