-->

Attualità
Strumenti

Saranno moltissimi gli appuntamenti firmati Campari da segnare in agenda dal 2 al 12 settembre: il legame tra il brand e il Cinema torna, infatti, protagonista della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia.
Passione e creatività, elementi imprescindibili nel percorso di creazione dell’opera, faranno da fil rouge ai tanti eventi che Campari - Main Sponsor della Mostra per il terzo anno consecutivo - ha inserito nel proprio palinsesto. Uno sguardo attento verso i giovani talenti di questo affascinante mondo per facilitare l’incontro, il dialogo e l’apprendimento reciproco tra volti già affermati ed emergenti del grande schermo.

Il luogo attorno al quale ruoteranno le iniziative sarà lo spazio Campari presso la Terrazza Biennale, proprio di fronte al Palazzo del Casinò. Lo spazio ospiterà anche incontri con i protagonisti di “Orizzonti”, il concorso internazionale di Biennale Cinema 2020 dedicato ai film che rappresentano nuove tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale.

Qui, sabato 5 settembre l’affermato attore Marco D’Amore darà il via agli appuntamenti Campari, incontrando il giovane talento Luca Nemolato, il concept artist e art director che ha ideato l’umanoide anfibio protagonista di “The Shape of Water”, film diretto da Guillermo Del Toro candidato a 13 Oscar, per un dialogo incentrato sulla creatività, sull’ideazione e sulla progettazione del prodotto cinematografico.

Domenica 6 settembre, nel pomeriggio, un evento di cocktail creation vedrà protagonisti due giovani artisti del cinema, anche grandi appassionati di beverage e mixologyEduardo Valdarnini e Fotinì Peluso. I due attori, infatti, in compagnia di Tommaso Cecca – Restaurant Bar Manager di Camparino in Galleria - si cimenteranno in un momento di creazione di alcuni cocktail, ovviamente Campari!

Spettacolare ed emozionante sarà poi una piattaforma sull’acqua – Boat-In - che, presso l’Arsenale, metterà in scena una serie di appuntamenti ideati per celebrare il talento e la passione dei giovani artisti del cinema.
 
Si partirà lunedì 7 settembre con una serata in cui la madrina d’eccezione, Carolina Crescentini, accompagnata dai due nuovi e talentuosi volti Fotinì Peluso ed Eduardo Valdarnini, presenterà in anteprima “Beyond Passion”, la serie di cortometraggi realizzata dagli studenti del Centro Sperimentale di Cinematografia nell’ambito del progetto Campari Lab, giunto alla sua seconda edizione.

La piattaforma resterà attiva anche nei giorni successivi: si proseguirà martedì 8 settembre con la proiezione in anteprima del film Burraco Fatale, con la regia di Giuliana Gamba e un cast composto da Claudia Gerini, Paola Minaccioni, Caterina Guzzanti e Angela Finocchiaro.

 

Mercoledì 9 settembre, invece, un evento serale vedrà il regista e attore italiano Edoardo Leo esibirsi in un emozionante monologo incentrato sulla strada che lo ha portato a intraprendere questa professione e sulla cosiddetta inner flame che conduce alla creazione. Nella stessa serata verrà proiettato il cortometraggio “Waiting for Woody” (diretto da Claudio Napoli e interpretato da Yari Gugliucci) e, in seguito, avrà luogo un’emozionante e inedita performance di Marco Gallotta, uno dei due protagonisti dello stesso corto e noto artista italiano con base a New York, che ha realizzato numerose opere già presenti nelle collezioni private dello star system mondiale.

 

Sempre nello stesso luogo, la giovane attrice Ludovica Martino sarà la protagonista della serata di giovedì 10 settembre. Prevista anche la proiezione del cortometraggio “Giorgio”, realizzato da un cast tecnico pluripremiato ai Nastri d’Argento e ai David di Donatello. Seguirà un momento di confronto e dibattito su tematiche d’interesse legate ai giovani talenti, alla presenza anche degli attori Andrea Pittorino ed Elena Cucci.

Ospite d’eccezione della serata l’attore e regista statunitense di fama mondiale Matt Dillon, uno dei membri della Giuria della 77. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia. Per celebrare i 40 anni di carriera dell’attore per l’occasione verrà proiettato un breve showreel, piccolo documentario sulla sua attività cinematografica.

 

Ultimo esclusivo evento in questa location venerdì 11 settembre, la proiezione di “Mrs America” (miniserie televisiva statunitense creata da Dahvi Weller), alla presenza dell’interprete Cate Blachett, anche Presidente di Giuria di Biennale Cinema 2020. La serata sarà trasmessa anche in streaming a Floating Theatre Roma, il cinema – festival sull’acqua della Capitale.

 

Come consuetudine, lunedì 7 settembre sarà poi assegnato il premio ufficiale Campari Passion For Film Award, nato dalla collaborazione tra Campari e la Direzione Artistica della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, con l’obiettivo di valorizzare e premiare lo straordinario contributo che i collaboratori più stretti dei registi offrono al compimento del progetto artistico rappresentato da ciascun film. Vincitore di questa edizione Terence Blanchard, musicista, compositore e autore di numerose colonne sonore statunitensi. Una figura in grado di regalere, grazie alla sua professione, emozioni indimenticabili, accompagnando le scene più salienti di un film e scandendone il ritmo con suoni evocativi e di grande impatto.

 

Infine, altro punto di incontro sarà, poco lontano dal Palazzo del Cinema e proprio di fronte al red carpetun’emozionale installazione Campari pensata per offrire un’esperienza unica e visiva, incentrata sulla Red Passion e sul processo di creazione che porta alla realizzazione di opere straordinarie. Presso lo storico Hotel Excelsior del Lido di Venezia verrà allestita una Press Room Campari, altro punto focale per interviste e incontri con la stampa durante tutto il periodo del Festival.

 

 

Campari e il cinema

Simbolo dell’aperitivo italiano per eccellenza, Campari è per il terzo anno consecutivo main sponsor della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica - La Biennale di Venezia.

Da sempre, Campari sceglie il mezzo cinematografico come veicolo di comunicazione per raccontare, in modo avveniristico e aspirazionale, l’essenza di un marchio che ha sancito la nascita del mito dell’aperitivo italiano nel mondo. Un connubio, quello tra Campari e il grande schermo, che trova la massima espressione nelle numerose collaborazioni con registi e attori di fama internazionale, attraverso campagne innovative che hanno scritto la storia della comunicazione di marca.

Un percorso artistico che prende il via nel 1984, quando Federico Fellini girò per Campari “Ragazza in treno”: un vero e proprio corto cinematografico che vede il celebre regista cimentarsi per la prima volta nella realizzazione di uno spot per un marchio privato.

Il sodalizio tra Campari e registi pluripremiati prosegue nel tempo e, tra le numerose collaborazioni, possono essere citate quelle con Tarsem Singh, autore della “Trilogia” negli anni Novanta, e Joel Schumacher con “L’attesa” (2011), fino ad arrivare a Paolo Sorrentino che ha firmato l’attuale campagna di comunicazione “Creation”.

Non solo registi ma anche talenti hollywoodiani del calibro di Uma Thurman, Penelope Cruz o Benicio del Toro hanno affiancato il loro nome a quello del brand in qualità di protagonisti di diverse edizioni del Calendario Campari.

Infine, Campari Red Diaries, l’ultimo progetto che utilizza il cortometraggio per portare in scena il concetto che “ogni cocktail racconta una storia”, può vantare le regie di Paolo Sorrentino, Stefano Sollima e Matteo Garrone e l’interpretazione di attori quali Clive Owen, Zoe Saldana, Ana de Armas e Adriano Giannini.

 

www.campari.com
FB Campari
IG Campari.it

 

Block [footer] not found!