-->

Essere e benessere
Strumenti

Stabilimenti chiusi e chili di mitili al macero. E’ questo il bilancio dell’emergenza epatite nelle cozze flegree. Lo scorso 24 febbraio il Dipartimento di Prevenzione Area di sanità animale dell’ASL locale e l’Istituto Zooprofilattico di Portici hanno rilevato elevati quantitativi di norovirus e virus dell’epatite A in diversi campioni di cozze provenienti dalle aree di allevamento tra Bacoli e Lucrino.

Gli amanti del crudo di mare farebbero bene a rinunciare al proprio piatto preferito per qualche tempo, oppure orientarsi sulle cozze provenienti da altre zone. I mitili sono inoffensivi qualora cucinati per oltre due minuti a temperature superiori agli ottanta gradi, ma nella coscienza collettiva la paura resta e non a torto. L’epatite A è una malattia infettiva spesso indolore e dal decorso asintomatico, ma aggredisce il fegato già debilitato dall’alimentazione ricca di grassi e bevande alcoliche causando la morte negli individui affetti da insufficienza epatica. Il monitoraggio è tuttora in corso, ma per tutelare la salute dei consumatori è stato consigliato da parte del Ministero della salute di evitare accuratamente le retine di cozze con numero di riconoscimento CE It 2 Cdm. 

Le cooperative di allevamento e raccolta sono in piena crisi a seguito del comprensibile crollo delle vendite seguito alla psicosi e l'IRSVEM di Baia lavora a regime ridotto. Un danno ingente per un territorio dalla spiccata vocazione turistica e agroalimentare, già minato dalla drammatica condizione di strade e trasporti pubblici. Le conseguenze per il settore spaventano le amministrazioni locali alla ricerca di un colpevole e possibili soluzioni. Sul banco degli imputati c’è l’acqua del golfo di Pozzuoli, avvelenata dagli sversamenti abusivi e dal malfunzionamento degli impianti di depurazione. Le cozze filtrando acqua accumulano le tossine e si trasformano in bombe virali. Il tavolo tecnico istituito dal comune di Bacoli a tutela della miticoltura, tenterà di arginare gli effetti negativi sul comparto. Le cozze flegree sono un prodotto trainante per l'economia del territorio e vantano una secolare tradizione produttiva, da tutelare non solo attraverso i molteplici eventi che celebrano il mitile ma anche e soprattutto migliorando le condizioni ambientali della zona.  Intanto l’emergenza continua, lasciando a casa decine di lavoratori. 

Luigi Orlando