-->

Essere e benessere
Strumenti

 

Ma questo è un prezioso alimento anche per altro.

I ricercatori hanno dimostrato che assunta con regolarità, aiuta a migliorare la memoria, grazie alla vitamina K, che va a rigenerare i tessuti nervosi.

Un gruppo di ricercatori della Rush University di Chicago, analizzando le diete e le funzioni mentali di 954 anziani, per cinque anni, ha riscontrato che, coloro che avevano mangiato più spinaci erano anche più vigorosi mentalmente. Il risultato finale è stato davvero sorprendente: mangiare una porzione di spinaci ogni giorno rende il cervello di undici anni più giovane, un vero e proprio carburante per i neuroni. Dal gusto gradevole, possono essere dunque mangiati in abbondanza, rendendo sia memoria sia la capacità di concentrazione intatte. Alcuni recenti studi hanno evidenziato come gli spinaci, con il loro elevato contenuto di nitrati inorganici, abbiano un’importante azione preventiva sulle malattie neurologiche.

Ma, gli spinaci, sono anche consigliati più volte alla settimana, per mantenere a lungo l’udito in buona salute, lo rivela una ricerca condotta dagli esperti del Channing Laboratory presso il Brigham and Women’s Hospital della Harvard Medical School di Boston, presentata all’ultimo congresso dell’Accademia americana di otorinolaringoiatria. I ricercatori hanno studiato un gruppo di oltre tremila uomini, valutando per un periodo di ben diciotto anni la loro salute e la loro alimentazione quotidiana. Così hanno scoperto che le persone che per abitudine consumano gli spinaci ricchi di acido folico, noto anche come vitamina B6, (che tutte le parti del corpo utilizzano quando devono riparare danni che hanno subìto) presentano un rischio di essere colpite da sordità inferiore del 21% rispetto a quanti ne mangiano meno.  

Una ricerca ha evidenziato che la luteina contenuta negli spinaci previene l’insorgenza della maculopatia degenerativa della retina; essi sono anche una valida prevenzione contro la cataratta. Inoltre abbassano il colesterolo.

Il segreto? Consumarli crudi o poco cotti. Se invece avete deciso di cucinare queste verdure bollendole, allora non gettate via l'acqua di cottura, imbevetevi dei dischetti di cotone e passateli sulla pelle del viso per renderla più tonica.

                                                                                      Veronica Sarno