-->

Essere e benessere
Strumenti

Il binge drinking (abbuffata alcolica) è l'assunzione di diverse bevande alcoliche, almeno cinque, in un breve intervallo di tempo, dove non è importante quale sia la sostanza bevuta, l’unico scopo è ottenere in breve tempo uno stato di ubriacatura, per non pensare e perdere velocemente il controllo. In pratica il soggetto è consapevole di star assumendo una quantità alcolica maggiore di quelle che sono le sue capacità fisiologiche.

Questo modo di bere, che ha origini nel Nord Europa, è ormai diffuso in Italia in maniera stabile dal 2013 secondo il rapporto del Ministero della Salute, che ne registra l’abitudine in aumento fra i due sessi, in particolare nei maschi in diverse fasce d’età della popolazione in particolare fra i giovanissimi. Il rapporto indica che circa un terzo degli adolescenti abusa in maniera critica di alcolici con abbuffate il sabato sera.

Il dato tragico indica che il 6,9% ha solo 11 anni, il fenomeno rimane molto sviluppato comunque fino ai 24 anni. Non è un caso che i ragazzi fra i 20 ed i 24 anni siano la fascia d’età più colpita degli incidenti stradali del sabato sera, considerato fra i più importanti indicatori di danno indirettamente causato dall’alcol. Nel 2012 sono stati 309 i morti e 31.305 i feriti in questa classe di età.

Recenti studi americani indicano che quando l’alcol viene bevuto in maniera così veloce e concentrata ha effetti maggiormente deleteri per l’organismo rispetto a quando la stessa quantità viene assunta in un arco temporale più lungo. Altri studi hanno scoperto che le abbuffate nei giorni di festa miscelate alla sobrietà settimanale aumenta maggiormente gli effetti del binge drinking. Esso ha effetti sul sistema neurologico, quello cardiaco, quello gastrointestinale, quello ematico, quello endocrino, quello immunitario, quello muscolo scheletrico, sulle dipendenze e sulla salute mentale.

Se hai questa cattiva abitudine può essere davvero molto dannosa per la tua salute, se hai questo problema, chiedi aiuto al numero verde 800632000, il servizio è anonimo e gratuito.

                                                                       Veronica Sarno