-->

Essere e benessere
Strumenti

 

Il mandarino appartiene alla famiglia delle Rutacee, di questa specie è l’unico dal sapore dolce.

Il mandarino è considerato un alimento indispensabile per mantenere vigile il cervello, esso è ricco in fibre, in carotene, in magnesio, in ferro, in acido folico, in vitamine sia del gruppo A, sia del gruppo B e del gruppo C, di cui ne è particolarmente ricco, ecco perché è un toccasana per il raffreddore ed ecco perché protegge i capillari. Persino i suoi semi sono commestibili e ricchi di vitamine. Sebbene si tratti di un frutto molto nutriente risulta di solito facilmente digeribile.

Buccia ed olio essenziale di mandarino

Oltre la polpa anche la sua buccia viene adoperata per diversi usi, in quanto ricca del principio attivo antiossidante del limonane, che è in grado di ritardare l'invecchiamento della pelle. L’olio essenziale di mandarino, per l’appunto estratto dalla buccia, riesce a calmare gli stati ansiosi ed a combattere l’insonnia, viene anche usato nei trattamenti contro la ritenzione idrica.

Proprietà antitumorali del mandarino

Secondo i ricercatori australiani consumare costantemente mandarini ed arance aiuta a ridurre del 50% le probabilità di un tumore al tratto digestivo e del 20% che si verifichi un ictus. Anche gli scienziati del National Institute of Fruit Tree Science confermano che il mandarino possiede proprietà antitumorali, dal loro studio emerge che bere un bicchiere di spremuta di mandarino al giorno sia in grado di prevenire i tumori al fegato e di proteggere il cuore anche.

 

E tu quante spremute di mandarino bevi solitamente?

 

                                                                                                         Veronica Sarno