-->

La cannella è una spezia presente nelle case di tutti, ma siamo certi di sapere come usarla al meglio?

Negli antichi erbari cinesi la si considera una vera e propria medicina per febbre e diarrea.

In Europa invece essa è più conosciuta per aromatizzare cibi e bevande, ma sono meno note le sue proprietà terapeutiche. E se scoprissimo che può aiutarci a dimagrire e a tenere la mente allenata? Scommetto che ora state andando a controllare se ne avete ancora o vi è finita….

Studi internazionali hanno dimostrato che. la cannella regolarizza l’assorbimento di zuccheri nel sangue e riduce glicemia e colesterolo cattivo. Inoltre migliora la digestione, attiva il metabolismo, combatte gonfiore intestinale e l’acidità di stomaco; aiuta ad eliminare anche i liquidi in eccesso. E non bisogna dimenticare che placa gli stimoli della fame tra un pasto e l’altro; l’ideale compagna di ogni dieta. La sue proprietà antiossidanti aiutano a diminuire i danni causati dal passaggio del tempo sui tessuti, facendone un ottimo rimedio di bellezza, ma anche di salute, infatti aiuta anche a prevenire le malattie croniche; in pratica rinvigorisce l’organismo sia all’interno sia all’esterno.

La cannella è anche cibo per la mente….

Alcune ricerche hanno dimostrato che il sapore e l’aroma della cannella agiscono come stimolante cognitivo, migliorando la memoria in genere; a partire da queste considerazioni, i ricercatori della Rush University Medical Center di Chicago, si sono domandati se la cannella possa prevenire o combattere la demenza. Una delle ricerche ha messo in evidenza il potenziale benefico positivo di composti a base di cannella (cinnamaldeide e epicatechina) nella prevenzione e nel trattamento del morbo di Alzheimer. Ma la ricerca più sorprendente è quella fatta lo scorso anno, i dati raccolti indicano che la cannella sia in grado di invertire i cambiamenti biochimici, cellulari ed anatomici che avvengono nel cervello di topi con morbo di Parkinson. Sono ancora in corso le ricerche, ma questi risultati fanno ben sperare sull’avanzamento di cure contro le malattie neurovegetative. E non dimentichiamoci che nell’antica Roma questa prodigiosa spezia veniva adoperata anche come afrodisiaco.

                                                                                                                              Veronica Sarno

 

Non è solo questione di gusto. Quel che conta è la personalità, anche nella scelta del gelato. Grandi o piccini che siate, nessuno scampa al piacere offerto da un gelato rinfrescante in queste lunghe giornate estive. Ma occhio alle vostre scelte che potrebbero svelare più di quanto voi desideriate mostrare. Cono o coppetta, fragola o cioccolato, pare che dietro ogni diverso accostamento ci sia la possibilità di tracciare un preciso profilo psicologico della persona.

Leggi tutto: Gelato: un gusto per ogni capriccio

Sei infastidito dai rumori della masticazione altrui? Si chiama misofonia e, secondo l ‘Academic  Medical Central (AMC) di Amsterdam, soffri di un disturbo psichiatrico. Più nello specifico, si tratta di un disturbo del sistema nervoso centrale scaturito dai rumori più comuni udibili quando si mangia.

Leggi tutto: Sei infastidito dai rumori della masticazione altrui? hai disturbi psichiatrici

A cominciare dal mese di aprile siamo bombardati da ogni tipo di pubblicità che ti fa sempre la stessa domanda: “sei pronta per la prova costume”? Dappertutto, i banner sui social, sulle riviste, sugli autobus, sui cartelloni, alla radio, alla tv.

E poi quale sarebbe questa prova costume? Che corpo dovremmo avere per andare in spiaggia? E se un copro magro non ce l’abbiamo? Ci toccherà essere stipati nelle riserve affinché non possiamo essere visti dai fanatici del fitness? Dovremmo rinunciare alla spiaggia perché la nostra taglia supera la 44? Molti negozi si fermano alla 42 facendoti sentire un alieno sbarcato per errore sul pianeta terra.

Ma poi, possiamo mai cominciare a metterci a dieta ad aprile per poter scoprire i nostri corpi in luglio?

Per fortuna, negli ultimi anni, c’è anche un pullulare di vignette ironiche sull’argomento. Mentre in Inghilterra è stata organizzata una vera e propria rivolta di ragazze con corpi normali davanti ai cartelloni pubblicitari che pretendevano i corpi perfetti per la spiaggia. C’è stata anche la bellissima campagna contro la lingerie che discrimina le taglie più abbondanti. Meno male che c’è chi sdrammatizza e come me si incazza!

È davvero ora di dire basta a queste vessazioni. Ognuno ha il corpo che ha e mangia ciò che gli pare. A meno che non abbia problemi di salute.

Non ce la faccio più a leggere: notizia sensazionale anche Kate Moss ha la cellulite. Le dive non sfuggono alla buccia d’arancia

Basta, restiamo umani, e amiamoci per come siamo. Magri, grassi, torniti, formosi, con la pancia, i fianchi larghi.

Mica viviamo nel pannello degli strumenti di photoshop che leviga, sfuma, riduce, modella…

Basta insinuare nelle giovani generazioni che per andare al mare si debba avere un corpo ai limiti della denutrizione. Basta fomentare i disturbi alimentari causati da insicurezza in questa società che mira soltanto all’apparire e troppo poco alla sostanza. Nutriamo la mente con alimenti che restano e non con effimere idee nocive che potrebbero avere gravi ripercussioni.

Consigliare un equilibrato regime alimentare che tenga conto di giusti apporti energetici è giusto e sano. Dovremmo tutti imparare a mangiare meglio e a sapere per davvero cosa ingurgitiamo. Preferire la frutta e la verdura alle proteine animali, questo è sempre bene ribadirlo. Ma non urliamo ai quattro venti che il carboidrato è il nemico da sconfiggere e l’unica salvezza è uno yogurt che compie miracoli o i cereali della colazione da mangiare a tutte le ore.

Rispettiamo l’ambiente, il nostro corpo e soprattutto la nostra intelligenza senza lasciarci condizionare da subdoli consigli sulla forma che si dovrebbe avere per non sentirsi emarginati.

In un mondo affamato, con le risorse energetiche in esaurimento anche a causa della produzione e dell’eccessivo consumo di cibi spazzatura, cerchiamo di andare verso una cultura della consapevolezza invece di perdere tempo e creare insicurezza e disagio con questa fatidica prova costume.

Quest’anno, vorrei chiedere al pubblicitario di turno, come vuoi che te la faccio, scritta o orale?

Carmen Vicinanza

Tutti i nostri cari lettori sapranno che per mantenersi in forma serve un sano e costante esercizio fisico, mangiare tutto ma in giusta quantità e condurre uno stile di vita consono. Tuttavia non sempre ogni pietanza ingerita è sinonimo di proprietà ingrassanti, anzi la scienza recentemente ha scoperto alcuni cibi che addirittura sono validi alleati nella nostra battaglia ai chili di troppo. Ne abbiamo raccolti sette (ma gli ultimi due lasceranno a bocca aperta):

Leggi tutto: I magnifici sette (di cui due sorprese) aiutanti della linea

Altri articoli...