-->

Food advisor
Strumenti

Ha inaugurato in questi giorni Bagel World, il primo bagel take-away a Napoli, che fa il giro del mondo in 16 gusti.

Si tratta del particolare panino col buco, la cui moda esplosa negli States del '900, ha subito contagiato l'Europa e tutti gli altri continenti. Il bagel, in realtà, nasce proprio nel vecchio continente, precisamente in Polonia. Si tratta di una tradizione gastronomica ebraica, diffusa in America, con la grande migrazione all'inizio del secolo scorso. Dopo tutto si sa, se c'è un merito che hanno avuto gli USA del XX secolo, è quello di trasformare ogni prodotto in una moda. Così, un po' come è successo con la pizza, il bagel è stato rilanciato sul mercato del vecchio continente come una pietanza da street food, trendy e fugace. 
 
Ma il bagel non è di certo il solito panino, acqua e farina. Si tratta di pasta lievitata, fatta prima bollire, per conferirgli quel cuore morbido e fragrante, e poi infornata, ai fini di raggiungere la giusta doratura croccante all'esterno. E per insaporirlo, nell'impasto, c'è chi aggiunge semi di papavero, o di finocchietto, oppure chi semplicemente ne fa una crosta in sale all'esterno, come un pretzel. 
 
Giunto in ogni angolo del mondo, ogni paese personalizza la farcitura a seconda del suo particolare gusto o delle sue tradizioni gastronomiche. Bagel World, in via Bernini 12, coniuga ben 16 gusti, in base ad altrettante località. Così è facile trovare il bagel Toronto ripieno al salmone, rucola e philadelphia. Mentre se si 'vola' a New Dehli i sapori diventano più speziati con la farcitura di pollo al curry, insalata e pomodoro. Mentre un gusto più ruspante è facile trovarlo a Dublino, con hamburger di carne irlandese e funghi trifolati, e se invece ci si sposta nella vicina Scozia, il bagel Glasgow è ripieno di bacon croccante, uovo fritto e pomodoro. 
 
Non poteva certo mancare, il bagel Napoli: pane ai semi di finocchietto con maialino nero, friarielli e salsa di mozzarella di bufala. Insomma un menù ricco e variegato, che aspetta solo d'essere assaggiato dal primo all'ultimo bagel, 16 in tutto, a cui poi vanno aggiunte le varianti dessert. Per chi ha voglia di dolcezze, infatti, può scegliere tra la bagel alla nutella e granella di nocciole, o la farcitura golosissima al cioccolato bianco e pistacchio, o ancora sciroppo d'acero e cannella, oppure ancora il bagel spalmato di burro d'arachidi o semplicemente di marmellata. 
 
Monica Iacobucci