-->

Food advisor
Strumenti

Heinz Beck approda a Fiumicino, nel Terminal 3 dell’aeroporto. Lo fa con un ristorante dal concept tutto particolare, a partire dal nome: Attimi.

Ogni tavolo ha così una clessidra in modo da dare al cliente la percezione dello scorrere del tempo con la promessa di cucinare piatti in 30,45 o 60 minuti al massimo per venire incontro alle esigenze di una clientela pronta a partire.
Il noto chef pluristellato ha promesso di far “mangiare fast con una qualità slow”: ecco dunque una cucina leggere e salutare che metta in risalto le classiche materie prime mediterranee e che non risulti difficile da digerire.

 

Il ristorante è aperto tutti i giorni 7 giorni su 7 dalle 11 alle 22, con la possibilità di take away.
La questione del tempo come portata aggiunta in un ristorante è stato già introdotto a Napoli da Tandem, con una sostanziale differenza: in quel caso si pagava a minuto (1 euro) con il cronometro che partiva una volta che il piatto atterrava sul tavolo.

 

Tempi e modi differenti che si dilatano o si restringono. Per una volta è anche giusto interessarsi ad una dimensione che non sia la solita spaziale.

 

Massimiliano Guadagno