-->

Food advisor
Strumenti

 

<<La canapa- spiega Enzo Fumo titolare dell'Antica Spaghetteria – è un prodotto che veniva lavorato fin dal 1800. Il territorio agricolo che circonda la zona di Castellammare di Stabia, per le sue condizioni climatiche, molto temperate anche dalla presenza del mare, era tra i più rinomati in Italia, per la coltura di questa pianta. Sia la coltivazione di Cannabinacee che quella del tabacco, però sono state molto penalizzate dal proibizionismo, alla fine degli anni '30. Con gli anni '60 sono stati chiusi gli ultimi opifici campani per la lavorazione della canapa e pian piano la manipolazione artigianale di questo vegetale è andata scomparendo.>>sativa logo

Che ne direste, allora di assaggiare un antipastino di formaggi e salumi arricchiti con insoliti semini croccanti, oppure un bel piatto di tagliatelle funghi e noci e casarecce al gorgonzola? Naturalmente alla proposta va aggiunto che si tratta di prodotti rigorosamente artigianali, realizzati con le foglie e i semi più controversi della storia.

E per condire il tutto: olio di cannabis naturalmente.

<<Con l'hempy dinner -conclude Enzo Fumo- voglio ri-lanciare l' antico uso alimentare di una pianta a lungo bistrattata ed incoraggiare la crescita di aziende campane serissime, che producono alimenti di grande qualità.>>

Per completare il menu del canna-dinner, l'antica Spaghetteria e la Sativa Alimentari proporranno pane e dolci a base di farina di canapa e, se la gola si secca, esiste anche con la canna-beer.

Sopracciglia inarcate al pensiero del sapore? Niente paura, le foglie di canapa hanno un gusto aromatico, speziato e leggermente dolce. Niente a che vedere con il fumè.

Per partecipare alla degustazione che ha un costo di 20 euro, occorre prenotarsi al 339/7085522

A voi scoprire gli effetti sugli altri sensi, gusto a parte, delle foglie di canna nel piatto. Per stuzzicarvi non resta che suggerirvelo attraverso il dolce natalizio proposto dalla Sativa, che invece di chiamarsi panettone prende il nome Cannettone. A buon intenditor poche parole.

                                                                                                                                                                                                                                    Alessandra Cammarano