-->

Food advisor
Strumenti

 

La pizzeria Shekkinah nasce nel 1996, ma è dal 2002 che comincia a spopolare tra gli intenditori per l'uso di materie prime eccellenti. Solo olio d'oliva extravergine campano e mozzarella di bufala o fior di latte d'eccellenza. Il miglior risultato Salvatore Susta, che dei due fratelli alla guida del ristorante è il pizzaiolo, lo ottiene sulle pizze "speciali". cartoni-pizza-fiocco

Dal suo ingegno nascono la bolognese bianca con panna, carne macinata e battuto di verdure, la fiori di zucca e pancetta e la pizza carbonara ovviamente con uova, pancetta e formaggio e tante altre. Ma la vera novità della pizzeria Shekkinah è la pizza fiocco. 

Il primo disco è tradizionale. Pasta di pane a lievitazione lunga, ben 12 ore. La lievitazione prolungata è essenziale per evitare l'effetto gonfiore e l'arsura, comuni di solito quando si mangia una pizza non lavorata perfettamente, perchè il processo di maturazione dell'impasto continua nello stomaco.

Il panetto lievitato, una volta steso viene condito con panna, prosciutto cotto, fior di latte, olio e parmigiano. Sul letto di ingredienti, viene poi steso un disco di patate lesse, schiacciate, una sorta di purè. Sale, pepe e via in forno, dove il cappello di patate, gratinando, prende un bel colore dorato e diventa croccante fuori e morbido dentro.

All'assaggio il mix di sapori è decisamente inconsueto. Il gusto neutro delle patate, fa contrasto col prosciutto cotto e diventa più corposo e sapido col formaggio e la mozzarella.

Apparentemente il risultato potrebbe sembrare un po' "pesante", invece la manipolazione a regola d'arte e la qualità degli ingredienti, rendono questo prodotto facilmente digeribile.

Molte pizzerie hanno tentato di imitare l'invenzione dei fratelli Susta , ma la vera Fiocco, è un marchio registrato dal 2003, che si può assaggiare solo a Volla.

E se proprio non si vuol rinunciare a niente, la fiocco può essere chiesta anche a metà, alternandola con un altro mezzo disco, di diverso gusto.

Resta da chiarire il significato del nome che poco ha a che vedere con la pizza.

"Shekinah", è una parola che indica la presenza di Dio, un po' come a dire che nelle cose belle e buone c'è un non so che, di divino. "La filosofia del nostro locale- spiega Roberto Susta, anima commerciale della pizzeria- è che il cliente debba uscire sempre col sorriso sulle labbra."

E per sorridere cosa c'è di meglio di una barzelletta?

Ciliegina sulla torta la signora Enzolina, la madre di Roberto e Salvatore Susta, è diventata ormai una vera istituzione tra gli habitués del locale, per le sue barzellette chiudi-pasto.

A volte gliele raccontano anche i clienti e lei, meticolosamente, le segna sul suo quadernetto, per essere sempre pronta a tirarle fuori all'occorrenza e non far mai mancare l'allegria.

                                                                                                                                                                                                                                             Alessandra Cammarano