-->

Food advisor
Strumenti

L’attività gestita da Manuela Mirabile è stata finanziata dall'Assessorato ai Giovani e Politiche Giovanili, Creatività e Innovazione del Comune di Napoli, nell’ambito del progetto "Sviluppo Napoli", che ha bandito in tutte le municipalità cittadine una procedura per l’assegnazione di dieci contributi da 20 mila euro ciascuno, destinati alla nascita o al sostegno di giovani imprese distribuite sul territorio. Tandem Steak nell’ambito dei finanziamenti ottenuti e alla iscrizione alla Federazione Antiracket Italiana e del Consumo Critico ha festeggiato l’apertura del nuovo locale con un’inaugurazione svoltasi ad agosto con la presenza del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, l’Assessore ai Giovani Alessandra Clemente, il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri Colonnello Marco Minicucci e Tano Grasso Presidente onorario della Federazione delle Associazioni Antiracket e Antiusura Italiane. Una dimostrazione dell’impegno delle istituzioni per togliere spazio alla criminalità e promuovere la legalità. L’iniziativa “Pago chi non paga” sposta il problema dall’imprenditore al consumatore che deve accordare la propria preferenza ai commercianti che denunciano il racket. Acquistando nei negozi pizzo free il consumatore è consapevole che il proprio denaro non alimenterà le casse della Camorra, ma contribuirà a liberare la società dai soprusi mafiosi.

Il Tandem Steak è il secondo ristorante della giovane Manuela Mirabile. Laurea all’Università Orientale, dopo aver viaggiato decide di investire nella sua città e apre con un successo, il primo Tandem nel 2013: dedicato al ragù come lo ftandem manina cameriereaceva la nonna in Via Paladino e alla fulgida idea del “rraù al minuto”, una giocosa canzonatura della crisi e dei ritmi contemporanei, di cui vi abbiamo parlato in un articolo. Raddoppia e apre la nuova sede: un'ampia scelta di carni, dal carpaccio alla fiorentina alla colarda, a costi accessibili per tutte le tasche nel rispetto delle tradizioni culinarie del territorio, giocando con gli ingredienti in modo da renderli originali, oltre all’immancabile rraù servito con pasta di Gragnano.

Accogliente nello stile, familiare nel servizio. Il nuovo Tandem è ricco di piccole chicche di arredamento e design: il bancone in legno, stile classica steakhouse bavarese, è in contrasto con coloratissime tovaglie e accessori da tavola. Divertenti sono la manina per chiamare il cameriere, lucine colorate per informare tandem carrello del contoil cliente se un tavolo è prenotato al posto di candele, e un microcarrello della spesa per il conto. Dal menù proposte innovative che strizzano l’occhio alla cucina contemporanea, come la complessa alchimia del menù Rolex: un Black angus di 200gr con uovo pashot, Whiskey Oban single malt, acqua e sigaro e la Fondue di ragù servita in tavola mentre pippea. Carne alla griglia e un ricco menù per vegetariani completano l’offerta insieme a una ridotta scelta di pesce. Non pervenuta la carta dei vini, che però ci aspettiamo ben equilibrata tra territorio e offerta nazionale.

La proposta è invitante. Non resta che verificarlo di persona a via Sedile di Porto 51

L.O.