-->

Sabato 28 settembre, alle 20, in via Santa Maria in portico 15, a due passi da via Martucci, apre i battenti, Milagros, con un caliente aperitivo degno della migliore tradizione festaiola ispanica.

L'insegna, lo inquadra come un: "paella gastrobar", ma questo bistrot, è un vero e proprio ritrovo, per gli appassionati della cucina spagnola tradizionale, semplice , ma non facile, come ama definirla Carlos Peña, lo chef, matador del locale. 

Milagros, non è solo il nome della danzatrice di flamenco, immaginaria, scelta come mascotte del progetto. Milagros è un sostantivo e significa miracolo: il simbolo di una religiosità personale e carnale che accomuna molti Sud del mondo e, un auspicio di buena suerte.

<<Non chiedo un lavoro ma necessito di un miracolo>> : un coloratissimo poster di San Pancrazio, molto conosciuto in Spagna, come patrono dei lavoratori, ci svela l' altra faccia di questo progetto. <<Milagros è una scommessa fatta con Napoli- spiega Marina delle Monache, responsabile multimediale dell' attività- ci vuole fortuna, per riuscire a conquistarsi un posto nella terra della buona tavola>>

Chi pensa, per esempio, che le tapas siano solo gli stuzzichini assaggiati a Barcellona, è fuori strada. Il menù del locale, spiega per filo e per segno, le caratteristiche dei piatti, strizzando l'occhio sia al "che", che al "come" si mangia.

Leggi tutto: Apre Milagros: paella amore e fantasia

Tandem napoli

Una locanda, dove pagare solo quello che si riesce a mangiare, è il sogno di ogni vero goloso. Forse è per questo che il gioco "1 Minuto 1 euro" del bistrot Tandem, in via Paladino, va sempre più di moda.

Piccola digressione da osservatrice incallita: mentre ceno, sono entrati due ragazzi inglesi. Più che turisti, quasi due sparvieri. 55 secondi per due coppette di ragù e una montagna di freselle di pane: costo, 55 centesimi; il tempo medio per un aperitivo sostanzioso, è in genere di 3 minuti.

 

Leggi tutto: Tandem lancia il nuovo trend gastronomico partenopeo: l'aperitivo a base di ragù.

timpani e tempura

Nel cuore pulsante del centro storico di Napoli, c’è una “botteguccia” di meraviglie gastronomiche in cui storia tradizioni e cultura del cibo partenopeo si fondono e materialmente si trasformano in Timpani & Tempura. Padre di questa bottega/ristorante è Antonio Tubelli, “chef per caso”, da sindacalista a elevatore della tradizione culinaria partenopea. Assaggiare la sua cucina è un po’ come assaggiare la cultura e le tradizioni di Napoli. Chi lo conosce non ha ancora parole sufficienti per descrivere la sua bontà d’animo. La sua è una cucina emozionale. Al primo assaggio, è impossibile non sorridere.

Leggi tutto: Timpani & Tempura: lo street food di Antonio Tubelli.

frittura verdure un sorriso integrale napoli

È il paradiso dei vegetariani. Ma non solo. Un sorriso integrale, il ristorante bio nel cuore di piazza Bellini al civico 6 di vico San Pietro a Majella, offre un'ampia scelta di piatti a base di verdure, cereali e farine integrali. Bandita la carne ed i suoi derivati dal proprio menu, anche il più carnivoro dei clienti potrà godersi l'eccezionalità di un piatto realizzato con prodotti salutari e nutrienti.

In un antico cortile sotto ad un gradevole pergolato, Un sorriso integrale varia quotidianamente la sua proposta culinaria, con differenza anche tra il pranzo e la cena. Da non perdere la frittura di verdure, leggera e delicata, l'humus di ceci e il tortino di zucca. Ma per i più ghiotti c'è anche la possibilità di prendere un piatto unico, con un abbondante assaggio delle principali pietanze.

Leggi tutto: A pranzo con...Un sorriso integrale
Block [footer] not found!