-->

In vino veritas
Strumenti

 La luna è il tema della Dodicesima edizione di Wine&Thecity la rassegna napoletana che celebra l’ebbrezza creativa e il buon vino con una staffetta urbana di eventi diffusi sul territorio: la luna come fonte di ispirazione per scrittori e poeti, come desiderio di scoperta, come emblema della mutevolezza, simbolo di femminilità e vita, la luna che nei secoli ha ammaliato grandi filosofi, conquistato cineasti e sedotto scienziati di tutto il mondo. La luna che da millenni guida i lavori in vigna.La luna come anelito e conquista nell’anno che celebra i 50 anni dallo storico allunaggio. 

 

Dal 9 al 18 maggio 2019 Wine&Thecity torna dunque in città, ma in una veste inedita: per la prima volta, infatti, il calendario della manifestazione si articolerà in appuntamenti verticali pensati per scandire ogni momento della giornata e accompagnare i partecipanti alla scoperta di oltre 100 etichette di vini italiani da degustare in luoghi insoliti o poco conosciuti di Napoli: dalla prima colazione alla cena, dall’aperitivo all’after dinner, in ogni momento della giornata avranno luogo reading letterari, incursioni d’arte, performance, cene itineranti in palazzi storici e musei, incontri con i produttori, momenti di approfondimento sull’universo vino, installazioni e azioni di street art che vedranno protagonista la luna nelle sue innumerevoli declinazioni.

 

Ogni appuntamento di Wine&Thecity 2019 sarà infatti un'ode al magico satellite della Terra che ha affascinato generazioni di artisti in tutto il mondo e dalle cui ispirazioni sono nati veri e propri capolavori come il “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” del poeta Giacomo Leopardi, il celebre brano musicale “Moon River” composto da Johnny Mercer e Henry Mancini, l’ultimo romanzo dello scrittore Cesare Pavese “La luna e i falò”, il capolavoro cinematografico “Le Voyage dans la lune” di Georges Méliès con cui si è aperto il Rubamatic che Wine&Thecity ha realizzato e proiettato al PAN Palazzo delle Arti di Napoli il 22 novembre per presentare il tema 2019 della rassegna. A destare tanto interesse il valore metaforico della luna, il buio notturno che l’avvolge e il mistero che nasconde capace di liberare l’immaginazione e lasciare spazio ai sogni e alle emozioni più viscerali dell’essere umano.

 

<<Sarà la luna, questa volta, a guidare la nostra ebbrezza creativa e il ritmo della rassegna. Inizieremo il 9 maggio con la luna crescente e concluderemo il 18 celebrando la luna piena in un luogo speciale. La call pubblica è aperta, fino al 31 dicembre è possibile presentare le proprie idee creative per partecipare a Wine&Thecity 2019. Crediamo nell’azione collettiva e per questo valuteremo idee, progetti e proposte per fare una grande edizione>>, anticipa Donatella Bernabò Silorata curatrice di Wine&Thecity dal 2008.

 

Wine&Thecity terminerà dunque il 18 maggio, sera di plenilunio, con un Gran finale per celebrare i 50 anni dalla Missione Apollo 11 e lo storico sbarco sulla luna quando, nel 1969, gli statunitensi Neil Armstrong e Buzz Aldrin poggiarono piede sulla superficie lunare. «Un piccolo passo per un uomo, ma un grande passo per l’umanità», come disse Armstrong.

 

La foto è dell'edizione 2016 di Wine&Thecity