-->

Dal 19 ottobre al San Ferdinando del Teatro Stabile di Napoli è in scena il meraviglioso adattamento di Liolà, commedia di Luigi Pirandello in tre atti a cura di Arturo Cirillo. Un’apertura con lo stesso Cirillo che interpreta il ruolo di Zio Simone Palummu, ricco massaio, assieme ad altri nomi noti del teatro contemporaneo napoletano, come Milva Marigliano nel ruolo di Zia Croce, Giovanna Di Rauso per Tuzza, figlia di zia Croce, Giorgia Coco per Mita, moglie di zio Simone, Sabrina Scuccimarra per Càrmina ‘a Moscardina, Antonella Romano per la Comare Gesa, , Viviana Cangiano per Ciuzza, Valentina Curatoli per Luzza, Giuseppina Cervizzi per Nela. Protagonista principale è Massimiliano Gallo.

Leggi tutto: Un hippie ante litteram: Massimiliano Gallo tra il Liolà di Pirandello e il cinema

<<  Mi piacerebbe che quello che ne è venuto fuori fosse un film popolare nel senso più bello del termine, un film che parla ai giovani e a quella parte di adolescenza che tutti noi adulti ci portiamo dentro. Un film sulla bellezza e sul terrore che ci fa la vita. Un film per il quale non si ha paura di ridere e di piangere. Un film sulle ‘prime volte'. Sicuramente l’avventura più grande, e per me più bella, che io abbia mai affrontato  >> .  Con questa descrizione Ivan Cotroneo inizia a raccontare il suo Un Bacio,  film sull’adolescenza, sulla ricerca della felicità.

Leggi tutto: Il regista di Un Bacio Ivan Cotroneo e il suo rapporto continuativo e fedele con la cucina

bollani

La metafora che meglio rappresenta la chiacchierata nella quale Stefano Bollani, ci ha raccontato i suoi ultimi progetti è la sensazione provata assaporando un cibo tipico come ossobuco cucinato con sapienza, bagnato da un vino corposo come un rosso di Montalcino, gustato con la musica delle note di un pianoforte.

Leggi tutto: Stefano Bollani affida agli alieni la sua musica, cibo per lo spirito

Altri articoli...

Block [footer] not found!