-->

Scrivere cosa e come si mangia nei Paesi Baschi non è cosa semplice. È un territorio talmente vasto, con una varietà gastronomica ai limiti dell’immaginazione, che è impensabile farne una sintesi in un articolo. Ciò nonostante, ci proviamo. Abbiamo toccato poche, bellissime, colorate città dei Paesi Baschi, ognuna con un bagaglio culturale diverso, con una storia diversa e con cibi e vini diversi, tutte bagnate dall’oceano.

Leggi tutto: Paesi Baschi. Un viaggio tutto da gustare

Ammettiamolo. Il cibo è un pensiero fisso, il tarlo più o meno segreto di ognuno di noi. Se poi parliamo di ‘schifezze’, vale a dire dolci, dolcini e dolcetti grondanti saccarosio, pizze, panini con l’hamburger, pollo fritto ed ogni serie di ciccioneria in circolazione, non si accettano teorie sull’inappetenza. Ma siamo davvero così food-focused al punto da indossare uno smalto al sapor di pollo KFC? Oppure di indossare scarpe raffiguranti un gigantesco waffle?

Leggi tutto: Frivol-Dipendenze : dicesi chiodo fisso quando il cibo lo indossiamo

A Copenaghen una Ong ha da poco aperto un supermercato che vende cibo ancora commestibile e quindi non dannoso per la salute, seppur la data di scadenza lo dia per cestinabile, o dall’imballaggio imperfetto e di conseguenza non rispondente ai canoni estetici che fanno da amo per acquirenti perfezionisti. Si tratta di Wefood, aperto da un gruppo di volontari della FolkekirkensNødhjælp e da subito assalito da lunghe file di clienti, conquistati non solo dagli sconti dal 30 al 50% applicati ai prodotti esposti, ma anche dalla concezione politicallycorrect del consumo intelligente.

Leggi tutto: Wefood. Un supermercato per il cibo scaduto

Altri articoli...