-->

aroundtheFOOD
Strumenti

Martedì 31 Maggio la pizza ha fatto il suo debutto ufficiale nel mondo dell’aperitivo grazie all’evento Aperipizza organizzato a Palazzo Caracciolo. Questo nuovo format nasce grazie alla collaborazione di Marco Zuppetta, responsabile commerciale di Palazzo Caracciolo, e di Giovanni Kahn della Corte, la mente che ha partorito Johnnypizzaportafoglio e beerETTA e padre del Napoli Street Food Festival.

Due delle apecar brevettate da Giovanni Kahn della Corte di Johnnypizzaportafoglio sono state impiegate dai maestri pizzaioli Aniello Buonocore, Antonio e Giuseppe Tammaro per offrire una visione diversa dell’aperitivo con la pizza napoletana in veri e propri forni a legna su ruote. Le ruote sono il leitmotiv anche per i drink grazie alla birrETTA, la bici che ad ogni pedalata spillano bicchieri di birra. Ma la scelta per il drink si amplifica grazie ad un vino, il Gragnano di Cantine Astroni presentato per l’occasione, che si sposa perfettamente con la margherita o la marinara servite durante la serata. Per i più golosi la serata è stata il palcoscenico anche per il debutto del dolce ideato dalla pasticceria Il Capriccio: il babbàna, un involucro di babbà per un cuore di crema di latte. A rendere l’atmosfera gradevole ci pensa il sottofondo musicale di Radio Yacht, chiamata a selezionare musica per l’occasione.

La parola chiave è “innovazione legata alla tradizione” secondo Giovanni Kahn della Corte che ci svela il segreto grazie al quale la pizza può essere considerata perfetta da servire come aperitivo: la lunga e lenta lievitazione dell’impasto con circa 110 ore di maturazione che rendono la pizza digeribile e leggera anche per un aperitivo. Questo si aggiunge alla consueta scelta di prodotti di eccellenza per farcire la pizza.

Secondo Marco Zuppetta l’iniziativa è «un’opportunità di presentare la pizza non solo a pranzo o a cena ma a tutto pasto per un progetto che si spera possa diventare volano per future iniziative sempre a Palazzo Caracciolo ma anche, perché no, in giro per la città». Il vero esperimento dell’iniziativa per il responsabile commerciale di Palazzo Caracciolo è quello di proprio quello di pensare «l’aperitivo come un rito per incontrarsi e conoscere nuove persone» concludendo con quello che potrebbe essere un vero e proprio slogan: «l’aperitivo a Palazzo Caracciolo per superare il concetto di social network: cancelliamo le pagine di Facebook e Twitter, incontriamoci di persona e facciamo due chiacchiere!».

Saverio Nappo