-->

News
Strumenti

 

Per festeggiare il rinnovato incarico della gestione laica della Cappella di San Gennaro, riaffidata alla Deputazione, alcuni  tra i migliori pasticceri campani sono stati chiamati a creare un dolce dedicato al Santo. Da un'idea della Dieffe Comunicazione, di Carmen Davolo e Daniela Marrapese, e grazie al sostegno di Mulino Caputo, è stato fissato per il 19 luglio, a due mesi dai tradizionali festeggiamenti, il pastry contest  “San Gennà - Un dolce per San Gennaro”.

 L'appuntamento è presso Villa Donn’Anna- Palazzo Petrucci, luogo simbolo di Napoli, da dove si gode un magnifico panorama del Golfo.

Il dolce dovrà essere realizzato con le farine del Mulino Caputo  e  avere un ingrediente rosso, che faccia riferimento al prodigio del sangue. Ognuno dei maestri dell’arte bianca potrà attingere dal vasto paniere dei prodotti  IGP e DOP campani. Si tratterà di un dolce a lunga  conservazione, così da poterlo proporre ai turisti che visitano Napoli e la Campania, ma anche ai tanti napoletani nel mondo, che potranno ordinarlo e riceverlo a casa propria.

La giuria sarà formata da nomi di prestigio dell’alta pasticceria, come il Relais Dessert padovano Luigi Biasetto;  da maestri pasticceri dell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, come il  pluricampione Sal De Riso, e da tre giornalisti: Alfonso Di Leva, responsabile dell’Ansa Napoli;  Santa di Salvo, esperta di gastronomia de il Mattino e Gianni Simioli, giornalista radiofonico di Radio Marte e Rtl.

 Nella ricchissima tradizione pasticcera napoletana manca un tributo dolciario al più amato tra i 53 compatroni della città di Napoli.  In passato, il 19 settembre d’ogni anno, veniva preparato e distribuito agli ammalati dell'ospedale del rione Sanità, oggi conosciuto come “Ospedale di San Gennaro dei Poveri”,  un semplice biscotto, realizzato con impasto di uova, zucchero, limone, farina e cannella, sbattuto come fosse uno zabaione e cotto al forno a fuoco lento. Il 19 luglio sapremo quale potrà essere il dolce che conquisterà il suo posto accanto alle zeppole di San Giuseppe e alle sfogliatelle Santa Rosa.

 Al vincitore sarà riservata un'opera del maestro ceramista Ferrigno e una fornitura di farina Mulino Caputo, il mulino di Napoli.

I concorrenti  proporranno nelle rispettive pasticcerie il dolce elaborato per il concorso. Saranno poi i clienti a decretarne il successo.

Contemporaneamente, verrà lanciato un concorso sulla pagina Facebook  “San Gennà - Un Dolce per San Gennaro”,  nella quale sarà possibile proporre  il nome da assegnare al dolce. A chi proporrà il nome più apprezzato, andrà una cena per due persone presso il ristorante stellato di Sorrento “Il Buco” e una cena, sempre per due, presso la  pizzeria “Concettina ai Tre Santi”, dove Ciro Oliva proporrà, in degustazione, una pizza ad hoc: la Fondazione San Gennaro.