-->

Ricette
Strumenti

 

Continua imperterrito il campionato e continua il primato del Napoli, premiato con i risultati del bel gioco espresso finora. Ma ad attenderlo c’è l’ex di Sarri, un Empoli che sta sfiorando la zona Europa League e che non concede sconti a nessuno. Sul tavolo invece andiamo nel “green”, con due piatti facilissimi e versatili. E uno di questi ritorna in pompa magna dalla settimana scorsa. Ma in una nuova versione.

 

Melanzane a funghetto

La parmigiana passata non ha saziato il nostro appetito di questo ortaggio che ora ritorna in una sua forma più “mordi e fuggi”. Le mulignane a fungetiello  sono un immancabile contorno per ogni napoletano degno di questo nome. Ciò che stupisce è l’istrionica capacità di adattarsi ad ogni contesto: buonissimi se gustati assoluti, celestiali se accompagnati da del pane “croccante” ma anche perfetto abbinamento “da pub”, ancor di più se lo affianchiamo a latticini vari  (con la provola è la morte sua).
Una volta in campo il piatto esprime tutte le proprie capacità: schierabile in qualunque zona, il fritto gli dona spessore e visione di gioco mentre il pomodoro esalta i sapori per un tandem d’attacco inarrestabile.
Piccola curiosità: questo ortaggio non è né italiano né europeo bensì indiano, importata dagli Arabi all’inizio del IV secolo.

 

Carciofo fritto empolese

Al-kharshûf. No, non è un errore di battitura ma il nome del carciofo in arabo. Originalmente proveniente dall’Etiopia e diffuso con una certa fortuna anche in Italia (in particolar modo in alcune regioni del sud Italia, tra cui proprio la Campania in testa) ha trovato pieno sviluppo negli umidi e pianeggianti territori della zona empolese.
Questo ortaggio a fiore ha una produzione tardiva, molto morbido e compatto, con una leggera nota amara (comunque ben bilanciata).
Anche il carciofo come la melanzana è capace di dare il meglio di sé tanto mangiato assoluto tanto accompagnato con altri alimenti.
Un gioco in tal senso importante lo ricopre la frittura, che ne esalta il sapore e le peculiarità.

Massimiliano Guadagno