-->

 

DI Antonia Fiorenzano

La pizzeria 1000 Gourmet festeggia i primi due anni nel quartiere di Chiaia di Napoli e racconta del format appena aperto a Venezia. Per farlo l'incontro simbolico tra la pizza e la cucina napoletana e veneziana con gli chef stellati 

Giuseppe Stanzione del ristorante “Glicine” dell’Hotel Santa Caterina di Amalfi e  Raffaele Ros del ristorante “San Martino” a Scorzè (Ve). 

Con loro anche lo chef resident Manuel Cibelli e i pizzaioli di 1000 Gourmet Eduardo Alfano Gianluca Capuano che hanno realizzato tutti gli impasti della serata oltre ad una pizza ad hoc.

Stanzione e Ros sono stati invitati a realizzare ciascuno una pizza inedita per 1000 Gourmet che sarà poi inserita nella nuova carta sia a Napoli che a Venezia. 

A raccontarlo sono i protagonisti della serata: Vittorio Ferraro e Michele Imparato, i due giovani imprenditori che hanno fondato 1000 Gourmet, e lo chef veneto Raffaele Ros.

 
 

E' da poco nelle sale Onda su Onda, l'ultimo film di Rocco Papaleo con Alessandro Gassmann e Luz Cipriota persi in un viaggio esistenziale nell'Uruguay d José Mujica tra musica e cucina. Abbiamo intervistato per voi il regista e Alessandro Gassmann durante la presentazione alla stampa del film.

Riprese e interviste

Luigi Orlando

Carpe diem! Dal L’attimo fuggente, il film con l’indimenticabile Robin Williams, è diventato un inno per i giovani. Per cui, quale leitmotiv potrebbe essere migliore per la 45 ^ edizione del Giffoni Film Festival, la storica rassegna cinematografica creata da Claudio Gubitosi, dedicata al cinema per ragazzi.

 

Ma il Festival di Giffoni va ben oltre le proiezioni e i corti internazionali, con gli anni è diventata un contenitore di esperienze che formano e indirizzano i ragazzi verso il loro futuro facendo scoprire nuove dimensioni: infatti sempre più numerosi sono i workshop sulla scrittura, l’editoria, la produzione nel cinema e negli ultimi due anni sono diventati una costante laboratori cooking come quello di quest’anno sul cake design.

Ma la prerogativa più forte del Giffoni Film Festival restano gli incontri tra i ragazzi e i grandi protagonisti del cinema , della cultura e della musica internazionali e nostrani: sono confronti diretti e accoglienti tra i piccoli e gli adolescenti con i loro idoli. Quest’anno i ragazzi hanno incontrato Fabio De Luigi, Malika Ayane, Lillo & Greg, Edoardo Leo, il regista e sceneggiatore Ivan Cotroneo che presenta il giovane cast del suo ultimo film ancora in fase di lavorazione Un bacio.

Ma gli incontri che per Giffoni 2015 fanno e hanno fatto scalpitare i ragazzi sono con gli attesissimi Orlando Bloom, Mark Ruffalo e Martin Freeman, tre degli interpreti delle saghe più famose e acclamate: Il Signore degli Anelli, i Pirati dei Caraibi, The Avengers e Hobbit.

Il Giffoni Film Festival fa pensare ha una bella tavola imbandita con tanti piatti preparati con tanti aromi particolari e diversi che esaltano il palato come non mai.

Volete sapere quale pietanza potrebbe essere e le cose sorprendenti che stanno accadendo al Festival? Bene, cliccate qui per ascoltare e vedere…

A.F.

 

 

 

Se si fa il nome di Alessandro Gassmann sentirete le voci a unisono dire intelligente e sensibile. Quella intelligenza viva l’hanno portato in teatro ad allestire testi complessi in cui l’impegno civile e l’etica fanno capolino ne sono esempi Razzabastarda con cui ha esordito come regista al cinema e l’adattamento teatrale di Qualcuno volò sul nido del cuculo , spettacolo da lui diretto e che appena debuttato al Teatro Bellini di Napoli e che approderà tra qualche settimana al Goldoni di Venezia, per non parlare della sua prossima regia teatrale La pazza della porta accanto in cui parlerà di Alda Merini. La sensibilità, la coerenza e la scelta di essere in prima linea contro le ingiustizie senza tapparsi la bocca con un elegante bavaglio l’hanno dimostrato il suo impegno durato per anni con Amnesty e oggi ambasciatore dell’UNHCR, senza contare il suo essere un attivista combattivo scrivendo 86 volte su Twitter al Premier Renzi senza avere nessuna risposta alla sua semplice richiesta di “ come fare a stanare quella grande massa di corrotti dichiarati, alcuni condannati, altri indagati, che stanno in Parlamento”.

Chissà se tra 15 anni aprirà un ristorante all’estero come ha dichiarato in un’intervista a Il Fatto Quotidiano in occasione dei suoi meravigliosi 50 anni, sta di fatto che Gassmann è anche un attore camaleontico: frequenta volentieri la commedia sofisticata lo dimostrano Il nome del figlio di Francesca Archibugi remake del francese Cena Tra Amici e Se Dio Vuole, attualmente al cinema. Eppure vi sorprendereste nel vedere come in entrambe le pellicole il cibo abbia un valore simbolico o addirittura sia pretestuoso per accendere la scintilla.

In Se Dio Vuole, la commedia di Edoardo Falcone, Alessandro Gassmann alias Don Pietro, un prete sui generis che ha un forte ascendente sui giovani avvicinandoli alla fede, e il cardiochirurgo ateo Tommaso ( Marco Giallini) sono divisi dai loro credo e punti di vista agli antipodi, ma credono entrambi nella pizza alla mortazza, ossia la pizza bianca con la mortadella ghiottoneria tipicamente romana, tanto che davanti a essa iniziano un reale dialogo e confronto. Simbolo di come una prelibatezza genuina possa unire e rompere muri apparentemente insormontabili.

Mentre ne Il nome del figlio Gassmann interpreta lo sbruffone e superficiale Paolo, il quale in occasione di una cena in cui sono coinvolti la sorella di Paolo e gli amici di una vita, la scelta del nome del suo primo figlio porterà a un'accesa discussione che riporterà a galla vecchi rancori, vecchie gioie e segreti mai svelati prima. Così tra spinaci con semi di sesamo, stracchino biologico, pollo al timo e pomodori annaffiati da vini francesi pregiati e soprannomi che richiamano la qualità di prugna chiamata Regina Claudia si innescano arguti e brillanti duelli verbali tra dei i commensali i totale stato di grazia.

C’è anche la Tv. In questi giorni è su Raiuno tra i protagonisti della serie corale Una Grande Famiglia, giunta alla terza stagione in cui interpreta il tormentato e ambiguo Edo Rengoni, primogenito degli imprenditori brianzoli. Proprio durante le tavolate di famiglia Rengoni in cui non si arrivano mai a finire i tagliolini a limone e manicaretti preparati da mamma Eleonora incarnata da Stefania Sandrelli si celano misteri e litigi sono in agguato come in ogni riunione familiare che si rispetti.

Noi abbiamo incontrato Alessandro Gassmann in occasione del suo ultimo spettacolo e ascoltiamolo in questa intervista.

Marina Massironi è stata per anni l’anima femminile degli spettacoli e dei film di Aldo, Giovanni e Giacomo chi può dimenticarla in Tre uomini e una Gamba?

Ma è stata protagonista di molti film diventati dei piccoli gioiellini come Pani e Tulipani, con il quale ha vinto il David di Donatello come miglior attrice non protagonista, Agata e la Tempesta di Silvio Soldini e Due Partite tratto dalla pièce di Cristina Comencini di cui era ne è stata anche interprete in teatro accanto a Margherita Buy e Isabella Ferrari.

Oggi la incontriamo in occasione di un altro spettacolo, La Scuola, adattamento teatrale del omonimo cult cinematografico di Daniele Lucchetti. A dividere la scena con lei durante questa lunga tournée in giro per l’Italia, c’è Silvio Orlando che ritorna a vestire i panni del professor Cozzolino.

Noi di inFOODation l’abbiamo intervistata in occasione della tappa napoletana del La Scuola, raccontandoci la sua passione per la cucina: dalle verdure ai dolci, fino a sperimentazioni culinarie esotiche. Ascoltiamo la Massironi in tutta la sua simpatia!

A.F.

Block [footer] not found!